Questura di Siena

  • Via del Castoro n.6 - 53100 Siena ( Dove siamo)
  • telefono: 0577201111- URP 0577201602
  • fax: 0577201777
  • email: gab.quest.si@pecps.poliziadistato.it, urp.quest.si@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Carta dei servizi

Informazioni e moduli per la trasmissione dati alloggiati in strutture ricettive ed in appartamenti privati

Carta dei servizi
Informazioni e moduli per la trasmissione dati alloggiati in strutture ricettive ed in
appartamenti privati
ATTENZIONE: IMPORTANTI NOVITA’ INERENTI GLI
OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DI LOCATORI DI
APPARTAMENTI PRIVATI (C.D. “AFFITTI BREVI”)
Come ormai sapranno tutti i titolari delle numerose strutture ricettive presenti nella nostra provincia,
importanti modifiche di legge del dicembre 2011 (art.40 c.1 DL 201/2011 conv. con modif. In
L.214/2011) hanno cambiato quanto previsto dall'art.109 comma 3 del T.U.L.P.S. (Regio Decreto
773/1931 e s.m.i.), riguardo alla comunicazione dei dati degli alloggiati presso le strutture ricettive.
In particolare, dal 28.12.2011 non è più previsto l'utilizzo della c.d. "scheda di notificazione"
cartacea pur rimanendo l'onere, per l'albergatore, di identificare preventivamente e compiutamente
il cliente, inoltrando entro i termini previsti le sue generalità tramite sistema telematico o
informatico. Per agevolare gli utenti, infatti, previa una semplice domanda di abilitazione, sarà
possibile trasmettere i dati necessari in modalità telematica direttamente al sito nazionale protetto
della Polizia di Stato (https://alloggiatiweb.poliziadistato.it). Il sistema, già attivo in via
sperimentale nella nostra provincia sin dal giugno 2006, non ha alcun costo e ad oggi conta ormai
oltre 3000 strutture ricettive di vario tipo abilitate. E' sufficiente, infatti, disporre di un normale
computer collegato alla rete internet, senza che sia necessario uno specifico software (programma di
elaborazione). Per richiedere l'abilitazione al sistema nazionale della Polizia di Stato
("AlloggiatiWeb"), è sufficiente compilare una domanda in carta libera, il cui modulo può essere
direttamente scaricato da questa pagina del sito ufficiale (link "Carta dei Servizi", modulo “istanza
per strutture ricettive”), allegando la copia di un documento di identità valido del titolare
richiedente e, per evitare errori ed agevolare i tempi di rilascio, anche la copia completa della
"autorizzazione" del Comune (licenza, d.i.a. o s.c.i.a., provvedimento unico o altro atto), con la
quale si è stati autorizzati ad esercitare l'attività ricettiva, con la raccomandazione di non inviare
autorizzazioni e/o elaborati tecnici e planimetrici in materia sanitaria, edilizia o di altro tipo, non
pertinenti e non necessari. La documentazione richiesta va poi trasmessa esclusivamente
all'indirizzo di posta elettronica certificata ammin.quest.si@pecps.poliziadistato.it oppure (per chi,
non essendo impresa, non disponesse di un indirizzo certificato) via mail a
polamm.si@poliziadistato.it, in formato "pdf" non modificabile (per ridurre le dimensioni dei
documenti si rappresenta che non è necessario scannerizzare a colori e/o ad alte risoluzioni).
L' Ufficio Licenze, verificata la documentazione pervenuta, predisporrà quindi una nota interna
all’Ufficio Informatico della Questura di Siena che provvederà a generare e ad inviare via mail
all’interessato le credenziali informatiche necessarie per accedere al sito protetto (nome utente/userid
e due password, quest'ultime sempre modificabili dall'utente). Nel sottolineare che il sistema è
assolutamente gratuito e non necessita di programmi informatici aggiuntivi, ma esclusivamente di
un normale computer collegato alla rete internet, la Questura invita tutti i titolari di strutture
ricettive nella nostra provincia, qualora non ancora abilitati, ad aderire al servizio di
trasmissione telematica dei dati che, oltre ad agevolare l'utente nella comunicazione, pratica e più
veloce, rappresenta un efficacissimo strumento per consentire alle Forze di Polizia il rintraccio, in
tempo reale, di eventuali ospiti pregiudicati o comunque pericolosi che abbiano qualche "conto" in
sospeso con la legge.
Come previsto dal suddetto art.109 c.3 TULPS, sulla Gazzetta Ufficiale n.14 del 17.01.2013, è stato
pubblicato il DM Interno 7.01.2013 contenente le nuove disposizioni per le comunicazioni alla
Questura dell'arrivo di persone alloggiate in strutture ricettive.
SI SPECIFICA CHE IL MINISTERO DELL'INTERNO, DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA
SICUREZZA CON CIRCOLARE DEL 26 GIUGNO 2015 HA PRECISATO CHE L'OBBLIGO
DI SEGNALAZIONE ALL'AUTORITÀ DI P.S. DELLE PERSONE ALLOGGIATE ,
SECONDO LE MODALITÀ SOPRA INDICATE, RIGUARDA ANCHE LE LOCAZIONI TRA
PRIVATI DI APPARTAMENTI AD USO ABITATIVO PER LE CLASSICHE BREVI
PERMANENZE TURISTICHE O ANCHE PIÙ LUNGHE LEGATE A MOTIVI DI LAVORO O
DI STUDIO, INDIPENDENTEMENTE DA EVENTUALI CLASSIFICAZIONI REGIONALI.
QUINDI ANCHE COLORO CHE AFFITTANO APPARTAMENTI CON TALI
MODALITA’ DOVRANNO ADEMPIERE AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALL'ART 109
R.D. 773/1931.
Per agevolare tali soggetti (proprietari, usufruttuari, intermediari con mandato) è stato predisposto
un diverso modulo di richiesta per essere abilitati al medesimo portale “Alloggiati Web” che può
essere scaricato in questa stessa pagina (vds. modello “ISTANZA PER APPARTAMENTI PRIVATI”)
Per ciò che attiene i profili di pubblica sicurezza (identici per strutture ricettive e per appartamenti
privati), degni di nota sono i seguenti aspetti:
- i dati estrapolati dai documenti di identità dei clienti vanno trasmessi entro 24 ore successive
all'arrivo delle persone alloggiate e comunque all'arrivo stesso per soggiorni inferiori alle 24
ore;
- non viene ormai più richiesto il campo "residenza" ma quello sulla durata (in giorni) della
permanenza (dato dichiarato all’atto della prenotazione/check-in ed a prescindere da eventuali
successive variazioni che non vanno comunicate);
- anziché inserire volta per volta i dati di un singolo cliente, ferme restando le agevolazioni per
gruppi e famiglie, è sempre possibile utilizzare software gestionali che trasferiscano direttamente i
dati di più clienti alloggiati in un unico file di testo "txt", compatibile con il tracciato record definito
dal suddetto decreto ministeriale e che può quindi essere inoltrato direttamente al sito nazionale (le
strutture che già usano tali applicativi sono pregati di attivarsi per i necessari aggiornamenti);
- i gestori delle strutture, non appena ottenute le ricevute, sono tenuti alla cancellazione dei dati
digitali trasmessi con le modalità telematiche stabilite dal decreto ed alla distruzione della copia
cartacea degli elenchi trasmessi a mezzo fax (vedi sotto); le ricevute devono essere conservate per
cinque anni;
- la ricevuta digitale con il numero degli inserimenti effettuati può essere scaricata e conservata e
vale come attestazione dell'avvenuto adempimento (in caso di impedimento tecnico al sistema web,
la comunicazione potrà essere effettuata a mezzo fax in forma di elenco (vedi sotto) ed il titolare
dovrà conservare la sola ricevuta attestante la data e l'orario dell'invio nonché l'esito dello stesso.
Un'ultima precisazione si rende necessaria: nel periodo in cui si attende l'autorizzazione all'invio
telematico dei dati, dopo averne fatto richiesta, i titolari delle strutture potranno eccezionalmente e
solo provvisoriamente inoltrare, sempre entro le 24 ore dal loro arrivo o all'arrivo stesso per
soggiorni inferiori alle 24 ore, le generalità degli alloggiati (NON le copie di documenti esibiti dai
clienti né tantomeno le copie delle schedine cartacee non più utilizzabili) esclusivamente al
numero di fax dedicato 0577-201553 sotto forma di elenco/tabulato riepilogativo, riportando i
campi previsti secondo il fac-simile che trovate in questa stessa pagina ("modulo invio presenze via
FAX”).
Ovviamente per le strutture che siano già state autorizzate all'inoltro telematico nulla è variato,
salvo che, in caso di impedimento tecnico temporaneo, le generalità degli alloggiati dovranno essere
inviate - sempre entro i termini previsti - in forma di elenco al suddetto numero di fax dedicato
0577-201553, e non ad eventuali diverse utenze comunicate in passato (si prega di utilizzare il
modello scaricabile in questa stessa Carta Servizi).
SI SEGNALA COMUNQUE LA LEGGE REGIONALE TOSCANA N.86/2016 e successive
modifiche - Testo unico del sistema turistico regionale (che ha abrogato la precedente LRT
42/2000) - il cui testo aggiornato può essere scaricato all’indirizzo del sito ufficiale della Regione
http://raccoltanormativa.consiglio.regione.toscana.it/documenti-tree/leggi/, che ha introdotto un
obbligo di comunicazione al Comune sia se l’attività è svolta in forma non imprenditoriale sia
imprenditoriale, da proprietari, usufruttuari, intermediari con mandato della locazione turistica (c.d.
gestione in forma indiretta tramite agenzie immobiliari e società di gestione immobiliare turistica).
Per eventuali chiarimenti in merito si consiglia di consultare i competenti siti istituzionali ed uffici
comunali.
Se siete una Associazione di categoria, siete pregati di linkare questa pagina sul vostro sito
ufficiale per agevolare la diffusione del suo contenuto.
Siena, 25 gennaio 2018.


24/01/2012
(modificato il 05/02/2018)

20/11/2018 17:29:02