Questura di Vicenza

  • Viale Mazzini n.213 - 36100 VICENZA ( Dove siamo)
  • telefono: 0444337511
  • email:

    Informazioni Permessi di soggiorno: immigrazione.vi@poliziadistato.it

    Informazioni Passaporti: dipps193.00n0@pecps.poliziadistato.it

  • facebook

ARRESTATI PER RISSA - Il QUESTORE CHIUDE il BAR “CA’ BALBI”

CONDIVIDI
dfg

Nella serata del 17.08.2022, le Volanti della Questura, con l’ausilio di una pattuglia dei Carabinieri, intervenivano presso il BAR BEVERLY HILLS di Vicenza, in Strada Ca’ Balbi n.480, per sedare una rissa alla quale risultavano avere partecipato tre persone: L.S.G. di 47 anni – L.S.N. di 19 anni e T.D.H. di 43 anni che – all’esito degli accertamenti – venivano per questo indagati in stato di libertà.

Da una prima ricostruzione, la rissa avrebbe avuto origine dal fatto che L.S.N. e L.S.G. imputavano al T.D.H. di avere in precedenza danneggiato un’auto di loro proprietà.

Verso le successive ore 23.00 del 17.08.2022, le Volanti della Questura, dovevano intervenire nuovamente, con l’ausilio di una pattuglia dei Carabinieri, in Vicenza Strada Ca’ Balbi n.239, presso il BAR CA’ BALBI, traendo in arresto due delle persone già coinvolte nell’episodio sopra descritto (L.S.G. - L.S.N.), nonché L.S.C. 21 anni (legati da vincolo di parentela), per rispondere del reato di partecipazione ad una rissa, aggravata dallo sfondo razziale.

In particolare L.S.C., ferito al naso in precedenza durante circostanze in corso di accertamento, si recava presso il BAR CA’ BALBI, pretendendo da bere dal titolare del bar (di origini cinesi), il quale rendendosi conto della situazione, preferiva non aderire alla richiesta, porgendo al ferito alcune salviette in carta, affinché si potesse cauterizzare il naso: per tutta risposta il ferito lo avrebbe minacciato con frasi a sfondo razziale attinenti alle proprie origini di nascita.

Ne scaturiva un alterco che degenerava un una vera e propria aggressione fisica tra soggetti contrapposti. Infatti, visti i modi irruenti di L.S.C., alla controversia si univano i due figli maggiorenni del titolare del bar, presenti in loco, accorsi a sostegno al padre. Nel frattempo in loco giungevano autonomamente a bordo di un’auto L.S.G. e L.S.N., probabilmente contattati telefonicamente da L.S.C., i quali vedendo il loro familiare ferito al naso, si scagliavano contro al titolare del BAR CA’ BALBI ed i propri figli, facendo scaturire la rissa, al termine della quale riportavano lesioni personali per cui venivano dapprima soccorsi presso il locale Ospedale S. Bortolo, e successivamente condotti in Questura per le incombenze del caso.

Il titolare del bar ed i propri due figli, venivano contestualmente indagati in stato di libertà, per rispondere del reato di partecipazione alla medesima rissa.

Dell’arresto, veniva avvisato P.M. di turno nella Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza, il quale disponeva che gli arrestati venissero associati alla Casa Circondariale di Vicenza per essere ivi trattenuti a disposizione dell’A.G.

Si rappresenta che la misura è stata adottata nella fase dell’indagine preliminare e che per il principio della presunzione d’innocenza, la colpevolezza dell’indagato in relazione alla vicenda, sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

A seguito dell’accaduto, il Questore della Provincia di Vicenza Paolo SARTORI ha disposto la sospensione della Licenza e la contestuale, immediata chiusura del Bar “Ca' Balbi”, ubicato al civico 239 dell’omonima strada.

Il provvedimento del Questore, che avrà una durata di 10 giorni, è conseguente alle gravi problematiche di ordine e sicurezza pubblica che si sono venute a creare negli ultimi tempi, culminate nella serata del 17 agosto u.s., con la sopra descritta rissa.

Il provvedimento del Questore ha comunque valutato anche la presenza di una serie di ulteriori episodi e fatti desumibili da vari interventi pregressi, effettuati, nel corso degli ultimi mesi, da tutte le Forze di Polizia, per casi di disturbo al vicinato ed episodi di violenza che hanno procurato allarme sociale, evidenziando il pubblico esercizio anche come luogo di ritrovo di persone pluripregiudicate. Dette circostanze, culminate con il grave episodio avvenuto nella serata dal 17 agosto, hanno determinato l’odierna decisione del Questore, il quale ha disposto la sospensione della licenza in base all’articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: si tratta, in questo caso, di un provvedimento finalizzato a far si che venga interrotta una situazione gravemente compromissoria per l’ordine e la sicurezza pubblica, e ciò a prescindere da ruolo ed eventuali responsabilità in capo ai gestori, in quanto tale provvedimento, per la sua natura giuridica, non è destinato a sanzionare il loro comportamento.

Il Questore Sartori, inoltre, ha emesso nei confronti dei quatro soggetti coinvolti nei gravi fatti avvenuti, altrettanti Decreti di Divieto di Accesso ai Pubblici Esercizi, vietando a costoro di accedere ai Bar ed ai Locali notturni della zona Ca’ Balbi di Vicenza per il periodo di 2 anni.

Sono infine in corso ulteriori approfondimenti per meglio ricostruire quanto accaduto presso l’altro pubblico esercizio (bar Beverly Hills).


19/08/2022

30/05/2024 01:12:07