Questura di di Vibo Valentia

  • Via S. Aloe snc - 89900 VIBO VALENTIA ( Dove siamo)
  • telefono: 0963965111
  • email: dipps19d.00f0@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Si appropriava di somme di denaro afferenti al risparmio postale – Direttore Postale arrestato dalla Polizia di Stato

CONDIVIDI
mobile e volante

All’esito di articolata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia gli agenti della locale Squadra Mobile hanno tratto in arresto il Direttore di un Ufficio Postale di un paese della provincia vibonese in esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Vibo Valentia.

L’indagato è ritenuto responsabile del reato di peculato aggravato per essersi appropriato con più azioni ed in tempi diversi di somme di denaro afferenti al risparmio postale delle quali aveva la disponibilità in ragione del suo servizio.

L’attività di indagine ha tratto origine dalla segnalazione di una utente delle Poste Italiane, pervenuta nel gennaio del corrente anno, con la quale era stato rappresentato l’anomalo comportamento di un addetto postale: il predetto era stato indicato, infatti, quale soggetto dedito a sottrarre denaro ad ignari anziani attraverso dei raggiri posti in essere in occasione del ritiro delle indennità pensionistiche ovvero dell’effettuazione di operazioni sui loro libretti di risparmio.

Sulla scorta di quanto segnalato sono stati avviati mirati approfondimenti investigativi, anche con la collaborazione di Poste Italiane S.p.A., per mezzo dei quali è emerso come l’addetto indicato quale infedele fosse proprio il Direttore dell’Ufficio Postale oggetto di segnalazione.

Le indagini, supportate anche da attività di natura tecnica consistite in intercettazioni ambientali e audio-video all’interno degli Uffici delle Poste hanno consentito, nel tempo, di cogliere più volte l’indagato nell’atto di sottrarre banconote direttamente dalle casse dell’Ufficio Postale tanto da indurre gli investigatori a ritenere che lo stesso potesse fare un uso personalistico del denaro presente all’interno delle medesime.

È emerso, inoltre, come il predetto abbia, in più occasioni, trattenuto indebitamente il denaro dei correntisti al momento dello svolgimento di operazioni allo sportello, adducendo di volta in volta asseriti errori o “problemi tecnici” per giustificare doppi o multipli utilizzi della carta di debito o credito dell’utente.

Sulla scorta degli elementi di prova acquisiti nel corso delle indagini il P.M. titolare del fascicolo processuale ha richiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari di Vibo Valentia l’emissione dell’Ordinanza Applicativa della Misura Cautelare degli Arresti Domiciliari, a carico dell’indagato cui si è data esecuzione nel pomeriggio di mercoledì 25 ottobre u.s.

Si specifica che i provvedimenti adottati in fase investigativa e/o dibattimentale non implicano alcuna responsabilità dei soggetti sottoposti ad indagini ovvero imputati e che le informazioni sul procedimento penale in corso sono fornite in modo da chiarire la fase in cui il procedimento pende e da assicurare, in ogni caso, il diritto della persona sottoposta ad indagini e dell’imputato a non essere indicati come colpevoli fino a quando la colpevolezza non è stata accertata con sentenza o decreto penale di condanna irrevocabili.

Eventuali segnalazioni di ammanchi da conti correnti postali, in particolare in danno di persone anziane, potranno essere riferite alla Squadra Mobile


29/10/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

19/04/2024 04:28:54