Questura di Verona

  • Lungadige Antonio Galtarossa, 11 - 37133 VERONA ( Dove siamo)
  • telefono: Centralino: 0458090411
  • email: Consulta elenco PEC nel link Orari e Uffici
  • facebook

La Polizia arresta stupratore - rapinatore seriale.

CONDIVIDI

Otto i casi di violenze sessuali e rapine accertate dagli agenti della Squadra Mobile

Nella notte tra venerdì 30 e sabato 31 luglio scorso, la Polizia di Verona ha sottoposto a fermo di polizia giudiziaria un uomo di 46 anni, romano di origini ma residente a Verona, con l'accusa di aver violentato otto prostitute e di averle nel contempo rapinate del loro incasso, sotto la minaccia di una pistola.

Gli stupri e le contestuali rapine, così come risulta dalle relative denunce, hanno avuto inizio da maggio 2010 e sono continuate durante il mese di giugno e luglio di quest'anno; visto il modus operandi del criminale fermato, gli investigatori hanno motivo di ritenere che possa trattarsi di un criminale seriale e non si esclude che le violenze commesse possano essere di più.

Le vittime, tutte prostitute, esercitanti il meretricio in varie località dell'hinterland di Verona, hanno riconosciuto il loro aggressore il quale è stato individuato e fermato dagli agenti della Squadra Mobile nel corso di un servizio organizzato ad hoc unitamente ai poliziotti del Reparto Prevenzione Crimine della Lombardia.

Infatti, subito dopo la raccolta delle denunce è stato possibile delineare il modus operandi: l'uomo avvicinava le vittime in auto, poi, col pretesto di mettere il giubbino nel bagagliaio, scendeva e copriva la targa del proprio veicolo dopodiché, una volta all'interno dell'abitacolo, minacciava con una pistola le sue vittime facendole spogliare completamente e gettando i loro vestiti fuori dalla macchina, per poi pretendere e consumare un rapporto sessuale; al termine di tutto, poi, sempre sotto la minaccia della pistola, si impossessava dei loro soldi, incasso della serata. Particolare schiacciante è che l'uomo è mancino, infatti in tutte le denunce è indicato che il violentatore - rapinatore impugnava l'arma con la mano sinistra.

E così, nella notte dell'ultimo week end di luglio è scattato il blitz degli investigatori e dei poliziotti del Reparto di Prevenzione Crimine della Lombardia, infatti i menzionati poliziotti hanno intercettato l'uomo, a bordo della sua autovettura, lungo la statale che conduce da Verona a Peschiera del Garda; quest'ultimo, una volta accortosi della presenza dei poliziotti, ha invano cercato di fuggire intraprendendo una fuga spericolata.

L'inseguimento che ne è scaturito è durato per diversi chilometri di strada ed terminato nel vicino Comune di Castelnuovo del Garda dove il fuggitivo ha sbandato per poi andare a sfondare la vetrina di un negozio.

Di qui il suo fermo di Polizia Giudiziaria e, dopo tutte le formalità di rito, l'accompagnamento presso il carcere di Verona - Montorio, dove l'uomo si trova a disposizione della'Autorità Giudiziaria che nella giornata di ieri ha disposto la convalida del fermo di P.G..

L'uomo è pregiudicato per reati specifici tant'è che nel 2006, la Squadra Mobile di Verona lo aveva sottoposto sempre a fermo di P.G. per una serie di rapine perpetrate a danno di donne nel centro città.


04/08/2010

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

04/03/2024 22:34:12