Questura di Verona

  • Lungadige Antonio Galtarossa, 11 - 37133 VERONA ( Dove siamo)
  • telefono: Centralino: 0458090411
  • email: Consulta elenco PEC nel link Orari e Uffici
  • facebook

Operazione "PATENTI GUIDA-TE"

CONDIVIDI
1

Scoperte due Autoscuole veronesi che "aiutavano" nel corso degli esami i candidati a superare i quiz: cinque indagati

Scoperta dalla Polizia di Stato di Verona un'organizzazione facente capo a due Autoscuole veronesi, che, per così dire, "aiutava" i candidati a superare i quiz nel corso degli esami di teoria presso la Motorizzazione Civile della provincia di Verona.

L'operazione, denominata dalla Questura scaligera "patenti guida-te", è il frutto di un'attività di polizia congiunta, svolta dall'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e dalla Squadra Mobile di Verona.

L'indagine, partita il 25 gennaio scorso e soltanto oggi resa nota dalla Polizia di Stato, è nata dalla segnalazione di un esaminatore della Motorizzazione Civile di Via della Genovesa, il quale, nel corso di una prova teorica a quiz per il conseguimento della patente di guida categoria "B", aveva sorpreso uno dei 26 candidati, proveniente da una Autoscuola di Verona, con addosso un kit elettronico, per mezzo del quale, riusciva a comunicare con l'esterno.

Il rumore emesso dagli impulsi di una radio trasmittente, ha insospettito l'esaminatore, che ha invitato il candidato a mostrare il contenuto del giubbotto, dal quale, una volta aperto, fuoriusciva un'antenna collegata con dei cavi elettrici ad altri congegni che andavano a formare un vero e proprio apparato video-audio ricetrasmittente, collegato a sua volta ad un telefono cellulare modificato e ad un sofisticato auricolare senza fili.

Accertata quindi la compromissione della prova d'esame da parte del candidato ventiquattrenne, veniva informata la Polizia dell'accaduto, che inviava immediatamente sul posto una Volante.

Gli agenti intervenuti, una volta appurati i fatti, attendevano il termine dell'esame di tutti i candidati presenti alla prova, al fine di effettuare un ulteriore controllo sulle persone, atteso che il ragazzo scoperto era giunto in compagnia di altri candidati, trasportati da un unico furgone associato a due Autoscuole di Verona.

La giusta intuizione degli agenti, portava al rinvenimento di un analogo kit addosso ad un'altra candidata, di 19 anni, la quale aveva appena terminato tutti i quiz e proveniente dalla seconda Autoscuola associata di Verona.

Accompagnati in Questura, presso gli uffici della Squadra Mobile, i due ragazzi confessavano agli investigatori l'ingegnosa truffa, finalizzata al superamento dell'esame teorico per il conseguimento della patente di guida.

Truffa che veniva praticata dalle due Autoscuole, le quali, dotando dell'apparecchiatura ricetrasmittente i candidati iscritti alle loro agenzie, dietro un compenso economico di almeno 1000,00 Euro, comunicavano a loro in diretta e a distanza, le risposte dei quiz durante le prove d'esame.

A seguito del reato accertato, la Polizia ha proceduto al sequestro di tutti i dispositivi elettronici utilizzati per il compimento della truffa ai danni della Motorizzazione Civile di Verona e ad indagare cinque persone, incensurate, tra cui i due ragazzi candidati, per il reato di concorso in truffa aggravata.

E' ora al vaglio degli inquirenti tutta la documentazione acquisita presso le sedi delle due Autoscuole, per accertare altri casi analoghi commessi nel corso degli anni.


05/02/2010

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

24/06/2024 03:44:55