Questura di Venezia

  • Sestiere di Santa Croce, 500 - 30100 VENEZIA ( Dove siamo)
  • telefono: 0412715511
  • fax: 0412715402-04
  • email: gab.quest.ve@pecps.poliziadistato.it

RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO PER RICHIESTA ASILO POLITICO

Per fissare un appuntamento per il rinnovo del permesso di soggiorno per RICHIESTA ASILO POLITICO si può inviare una mail alla casella di posta elettronica certificata immig.quest.ve@pecps.poliziadistato.it, ed indicare nell’oggetto: rinnovo permesso di soggiorno per richiesta asilo politico. La richiesta potrà essere presentata dallo straniero o dal legale di fiducia, con mandato. L’Ufficio Immigrazione comunicherà sempre via posta elettronica certificata la data dell’appuntamento.

Il giorno dell’appuntamento lo straniero dovrà presentarsi con la seguente documentazione:

  1. copia della mail che fissa la data dell’appuntamento;
  2. dichiarazione di ospitalità recente e vidimata dall’Autorità di Pubblica Sicurezza, corredata da copia del documento d’identità dell’ospitante e copia del contratto di affitto in corso di validità o rogito immobile completi di tutte le pagine (se l’ospitante è straniero per documento d’identità si intende il permesso di soggiorno);

NOTA 1: Nel caso in cui il contratto d’affitto dell’ospitante preveda l’uso esclusivo dell’abitazione per il conduttore e i familiari è sempre possibile avere una dichiarazione di ospitalità a condizione che si alleghi: 1) l’autorizzazione scritta del proprietario dell’immobile al conduttore/ospitante di ospitare il cittadino straniero che richiede il permesso di soggiorno, 2) la copia del documento di identità del proprietario dell’immobile.

  1. ricorso completo depositato presso il Tribunale Ordinario ed attestazione dello stato del procedimento recente;

NOTA 2: Se la decisione della Commissione per il Riconoscimento dello Status di Rifugiato è di inammissibilità è necessario produrre la sospensiva emessa dal Tribunale.

  1. copia della sentenza di 1^ grado e ricorso in appello completo depositato presso la Corte d’Appello;
  2. copia del ricorso per Cassazione depositato, con sospensiva emessa dal Tribunale, attestazione dello stato del procedimento e sentenza del Tribunale Ordinario/Corte d’Appello;
  3. ricorso avverso Trasferimento Dublino con contestuale richiesta di sospensiva al Tribunale.

NOTA 3: Lo stato del procedimento può essere comprovato dal certificato rilasciato dall’organo dinanzi al quale è pendente il ricorso oppure attraverso la dichiarazione dell’avvocato avente data non antecedente ad un mese dall’invio.

L’Ufficio Immigrazione si riserva, ove necessario, di richiedere ulteriore documentazione e qualora la documentazione non fosse completa di fissare un nuovo appuntamento.


02/07/2019

16/09/2019 18:43:57