Questura di Udine

  • Viale Venezia 31 - 33100 UDINE ( Dove siamo)
  • telefono: 0432413111
  • email: Consulta in "Orari e uffici" della Questura

Le Giornate della Sicurezza Stradale

CONDIVIDI

Le Giornate della Sicurezza Stradale

Con il coinvolgimento delle scuole superiori udinesi Uccellis e Ceconi ha preso il via oggi la campagna di sicurezza stradale che avrà nel Progetto Icaro la maggiore espressione. Curata dalla Polizia di Udine, l'iniziativa è portatrice di importanti valori umani e culturali quali il rispetto delle regole .

"E' un percorso che nasce dall'idea di instaurare un dialogo efficace con i giovani. - commenta il dottor Giuseppe Stornello, comandante provinciale della polizia stradale di Udine - Prima delle sanzioni e dei controlli, infatti, serve un cambiamento culturale. L'incidente stradale, purtroppo, è ancora la prima causa di morte per i giovani in Italia ed in Europa. Affinché i giovani possano cambiare prospettiva è quindi necessaria una comunicazione efficace che usi il loro linguaggio, che passi per le loro emozioni fino ad arrivare alla loro volontà e alla loro coscienza. Volevamo un progetto che emozionasse i ragazzi ma nel contempo fosse per loro educativo. Volevamo che fosse originale ma che non scadesse nei luoghi comuni di chi identifica tutti i ragazzi in una gioventù bruciata, quando spesso sono soltanto le vittime del cattivo esempio degli adulti".
Ecco dunque Le Giornete della Sicurezza Stradale che ieri ha visto la presentazione agli studenti dell'Uccellis di "Young Europe", il film realizzato nell'ambito della campagna di sicurezza stradale promossa dalla Polizia in collaborazione con i Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell'Istruzione e alla Fondazione ANIA per la sicurezza stradale, con il coordinamento scientifico del Dipartimento di Psicologia della Sapienza, Università di Roma e la collaborazione del MOIGE.
Il film è stato cofinanziato dalla Commissione Europea perché la campagna è diventata anche un progetto europeo che ha visto la Polizia Stradale capofila in Europa nel campo dell'educazione stradale, con una ricerca scientifica che ha coinvolto 14 Paesi dell'Unione ed un manuale tradotto in tutte le lingue europee.

"Young Europe" è girato in Italia, Francia, Irlanda e Slovenia. E' la storia di 5 ragazzi europei raccontata dal loro punto di vista. Un forte quadro della società moderna virato secondo l'ottica delle nuove generazioni e che per la prima volta porta sullo schermo lo scomodo e poco "cinematografico" tema della sicurezza stradale. Josephine, ricca parigina lasciata completamente sola dalla famiglia; Julian, giovane irlandese irretito dalle attenzioni di una lettrice di spagnolo, e infine Federico e Annalisa in Italia, due adolescenti che cadono nella trappola di amicizia di un adulto senza morale, Angelo.
Sono le storie di tanti ragazzi europei, accomunate dalla triste esperienza dell'incidente stradale che cambia per sempre le loro vite.
Il filo rosso delle emozioni e degli errori sulla strada che legano le varie vicende vuole far riflettere i giovani per sviluppare il loro senso critico ma rappresenta anche un monito al mondo degli adulti perché spesso non offrono un buon esempio da imitare nella guida.
Il tema dell'omicidio stradale sarà inoltre al centro di un importante convegno in programma venerdì 6, alle ore 9, nell'auditorium della Regione in via Sabadini. Organizzato da Angelo Rossi, presidente del Auto Club Nazionale delle Forze di Polizia, l'incontro vedrà prendere la parola: Dr.ssa A. Manzione Capo Dipartimento per gli Affari Giuridici e Legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri,dr. A De Pauli Magistrato, Avv. R. Toffano, Prof. E. Amati, Dr. S. Vedovi Dirigente ANIA, G. Biserni presidente ASAPS e Dr. S. Bedessi Comandante Polizia Locale Udine.
"Da molto tempo si parla di inserire nel codice penale una specifica previsione di "omicidio stradale" per colmare quella che viene sentita come una vera e propria lacuna normativa inaccettabile. - spiegano gli organizzatori - Urge infatti un quadro sanzionatorio autonomo individuando per la prima volta in Italia le fattispecie autonome dell'omicidio e delle lesioni personali stradali".
La nuova figura di "omicidio stradale" con le correlate pene previste, se da un lato sembra rispondere a quanto da tempo l'opinione pubblica auspica, dall'altra manifesta alcune debolezze dal punto di vista tecnico-giuridico che si risolveranno in problematiche di non poco conto per chi questa nuova norma dovrà applicare (organi di polizia stradale, operatori del diritto). Lo scopo del convegno è quello di analizzare i vari aspetti per fornire un quadro per quanto possibile esauriente del fenomeno e riuscire a comprendere se la proposta di legge riuscirebbe effettivamente a colmare una lacuna oppure aumenterebbe le problematiche.


04/03/2015

Gallerie

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

14/06/2024 00:58:13