Questura di Udine

  • Viale Venezia 31 - 33100 UDINE ( Dove siamo)
  • telefono: 0432413111
  • fax: 0432413777
  • email: urp.quest.ud@pecps.poliziadistato.it

Personale della Polizia di Stato il 29 aprile scorso ha tratto in arresto un cittadino rumeno, destinatario di Mandato di Arresto Europeo emesso dalla Procura di Udine.

CONDIVIDI
ARRESTO RUMENO

Il giorno 29 aprile scorso è stato tratto in arresto in Francia, il 51enne cittadino rumeno P. G. M., destinatario di Mandato di Arresto Europeo, emesso dalla Procura di Udine a seguito dell’ordine di carcerazione disposto in data 20.02.2020.

Il cittadino rumeno deve scontare una pena di 8 anni di reclusione, emessa a seguito delle condanne dei Tribunali di Udine e Novara, per eventi di natura predatoria avvenuti nelle province citate, fra il 2010 ed il 2014.

Il soggetto in questione era componente di un sodalizio criminale, composto da connazionali, gravitanti in tutto il nord Italia e dediti a furti in abitazione ed attività commerciali. Il pregiudicato annovera pregiudizi penali e condanne, con pregressi periodi di carcerazione. Infatti il curriculum criminale del rumeno lo vede indagato in stato di arresto e di libertà, in svariate occasioni fin dal 1997, in provincia di Pavia, Bolzano, Milano, Ferrara, Novi Ligure e Novara. In queste occasioni ha declinato sempre generalità diverse, annoverando diversi alias.

Nel 2013 veniva fermato in questa provincia, unitamente ad altri correi, e deferito per detenzione di arnesi atti allo scasso. Successivamente, a seguito di mirata attività investigativa, veniva identificato, unitamente ad altri 5 connazionali pregiudicati, quale autori dei furti presso le strutture commerciali SME di Cassacco e Martignacco, occorsi nel settembre 2013 e nel gennaio 2014.

All’esito della condanna, risultava irreperibile sul territorio nazionale. Pertanto, le articolate e tempestive indagini esperite da questa Squadra Mobile, con il concorso della Direzione Centrale della Polizia Criminale, Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, permettevano di localizzare il condannato in Francia, dove si era trasferito recentissimamente. Infatti, alla fine di marzo di questo anno, era stato controllato nella città di origine in Romania. Il latitante veniva rintracciato, a bordo di un veicolo, dalla Polizia francese a Chambery, località non distante dal confine con la Svizzera, e tratto in arresto in esito al dispositivo della Procura di Udine, che aveva provveduto alle incombenze relative alla predisposizione del Mandato di Arresto Europeo.

Sono in corso le procedure estradizionali.  


01/05/2020

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

04/12/2020 00:29:35