Questura di Trento

  • Viale Verona 187 - 38123 TRENTO ( Dove siamo)
  • telefono: +390461899511
  • email: urp.quest.tn@pecps.poliziadistato.it

Proseguono i servizi di controllo del territorio da parte della Questura di Trento

CONDIVIDI
Paletta

Proseguono i servizi di controllo del territorio da parte della Questura di Trento finalizzati a prevenire e reprimere attività delittuose riconducibili alla criminalità diffusa, allo spaccio di stupefacenti ed a situazioni di degrado.

Nella mattinata di giovedì scorso, personale della Squadra Mobile, unitamente ad un’unità cinofila della Questura di Padova, ha provveduto ad un accurato controllo, finalizzato al contrasto dello spaccio di stupefacenti, nella zona del centro cittadino. Nello specifico, in una fioriera, ubicata nei pressi di un parco giochi, è stato rinvenuto un involucro in nylon di colore giallo, contenente svariati grammi di una sostanza solida di colore bianco, verosimilmente stupefacente del tipo “cocaina”. Nel pomeriggio del medesimo giorno sono stati deferiti, in stato di libertà, tre cittadini tunisini, rispettivamente del 1983, 1995 e 1997, trovati in possesso di varie dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina e della somma in contanti di Euro 510,00. E’ stata effettuata successivamente perquisizione presso l’abitazione degli indagati, sita nel quartiere “Clarina”, dove è stato rinvenuto un ulteriore involucro di sostanza stupefacente dalle caratteristiche della cocaina contenente decine di dosi già confezionate e altro denaro contante, pari a complessivi Euro 1.990,00 suddiviso in mazzette. 

Ancora nella tarda serata di giovedì, la Polizia di Stato è intervenuta in centro città, a seguito di chiamata al 112 NUE, di un cittadino che lamentava il furto, appena subito, del proprio cellulare, lasciato imprudentemente sul sedile del furgone, mentre era impegnato a lavorare per il rifacimento della segnaletica stradale. Il sistema di geo-localizzazione dell’apparecchio ha permesso alla vittima di individuare con precisione l’area entro la quale poteva trovarsi il cellulare, comunicandolo tale risultato alla Sala Operativa della Questura perché lo aiutassero a ritrovare il maltolto. Pertanto, gli equipaggi della Squadra Volante, prontamente intervenuti, hanno perlustrato la zona indicata, dove hanno individuato un gruppetto di persone che si aggirava con fare circospetto. Da un sommario controllo, gli operatori hanno subito rinvenuto il cellulare nella tasca di un trentenne tunisino che non sapeva dimostrare la proprietà dell’apparecchio. Nel frattempo la vittima, raggiunti gli agenti di polizia, ha prontamente riconosciuto il cellulare e ha inserito il PIN di sblocco dimostrandone inconfutabilmente l’appartenenza. Il tunisino, sprovvisto di documenti di identità, è stato immediatamente portato all’Ufficio Immigrazione della Questura per gli ulteriori accertamenti. Denunciato per furto aggravato e verificata l’irregolarità sul territorio nazionale, è stato accompagnato al C.P.R. di Gradisca per la successiva espulsione.

Mentre nel pomeriggio di ieri, nei pressi di Santa Maria Maggiore, personale della Squadra Mobile, unitamente ad un’unità cinofila della Questura di Padova, ha sottoposto al controllo un cittadino tunisino, trovato in possesso svariati grammi di hashish. Dopo essere stato denunciato, lo stesso è stato portato, vista l’irregolarità sul territorio nazionale, presso l’Ufficio Immigrazione della Questura per le previste pratiche relative all’espulsione. Negli ultimi due mesi, la Questura di Trento, nel corso di numerosi e mirati servizi, ha potuto emettere 24 provvedimenti di espulsione, 2 provvedimenti di partenza volontaria, 19 ordini di lasciare il territorio nazionale e 5 accompagnamenti al C.P.R. per la successiva espulsione verso i Paesi di origine.


26/09/2022

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

30/11/2022 17:48:11