Questura di Trapani

  • Piazza Vittorio Veneto, 1 - 91100 TRAPANI ( Dove siamo)
  • telefono: 0923598111
  • email: gab.quest.tp@pecps.poliziadistato.it

Fermati 2 migranti responsabili dell’aggressione all'equipaggio della nave Vos Thalassa.

uscita fermati

Responsabili anche di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Sono stati fermati due dei 67 migranti sbarcati due giorni fa dalla nave Diciotti della Guardia Costiera Italiana. Le indagini, coordinate dalla procura di Trapani, condotte dalla Polizia di Stato insieme al Nucleo Speciale di Intervento del Comando Generale delle Capitanerie di Porto di Roma, hanno accertato il ruolo di due dei migranti, un sudanese e un ganese, finora indagati per violenza privata, nell’aggressione subita dall’equipaggio della nave Vos Thalassa che li aveva soccorsi. Grazie alle indagini svolte dagli uomini della Squadra Mobile di Trapani, insieme al Servizio Centrale Operativo e al N.S.I., la Procura della Repubblica ha deciso di modificare le accuse contestando i reati di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e concorso in favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e ha emesso un provvediemtno di fermo a carico dei due uomini.

Soccorsi il giorno 8 luglio scorso dal rimorchiatore italiano Vos Thalassa nel mare libico insieme agli altri migranti con cui viaggiavano verso la Sicilia il sudanese e il ghanese, hanno aggredito alcuni membri dell’equipaggio temendo di essere riportati in Libia. L’episodio, denunciato dalla Vos Thalassa, ha determinato l’intervento della Guardia Costiera che ha preso a bordo tutti i profughi salvati dal rimorchiatore. Per accertare come effettivamente si fossero svolti i fatti, un team composto da uomini della Squadra Mobile di Trapani, dello S.C.O. e del N.S.I., si era recato in elicottero a bordo della Vos Thalassa e aveva interrogato l'equipaggio della nave che aveva subito le violenze.

Secondo le testimonianze raccolte dagli investigatori, i fermati hanno minacciato e aggredito un marinaio di guardia, il primo ufficiale e il comandante della Vos Thalassa. In particolare, avrebbero costretto quest’ultimo a compiere un atto contrario ai propri doveri. Terrorizzati dalla possibilità di tornare in Libia, i due, insieme ad altri profughi ancora non identificati, hanno accerchiato, spintonato e minacciato ripetutamente di morte (mimando il gesto di tagliargli la gola e di gettarlo in mare) il marinaio. Stessa sorte avrebbe avuto il primo ufficiale.

L’aggressione ha costretto il comandante della Vos Thalassa a invertire la rotta, fare ritorno al punto di soccorso e richiedere con urgenza l’intervento delle autorità italiane per evitare l’incontro con motovedette libiche e scongiurare una situazione di grave pericolo. Il rimorchiatore ha così fatto rotta verso nord (cioè verso le coste italiane) per ricevere i soccorsi della nave militare Diciotti, che poi è attraccata a Trapni con i migranti lo scorso 12 luglio.

 


16/07/2018

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

20/09/2019 14:20:29