Questura di Torino

  • Corso Vinzaglio n.10 - 10121 TORINO ( Dove siamo)
  • telefono: 01155881
  • fax: 0115588045
  • email: gab.quest.to@pecps.poliziadistato.it U.R.P. : urp.quest.to@pecps.poliziadistato.it (e-mail dedicata per richiedere informazioni, ad esempio per il permesso di soggiorno, passaporto etc.)

Torino: rapine ai danni di anziani

acc

Due arresti della Polizia di Stato

Ieri mattina, nell’ambito dell’intensificazione dell’attività di prevenzione dei reati commessi contro le fasce deboli, quali truffe, furti e rapine perpetrati nei confronti di anziani, sono stati arrestati nel quartiere San Paolo due cittadini marocchini di 23 e 29 anni. I due, uno dei quali a bordo di bicicletta, avevano aggredito in via Fidia una coppia di ottantenni, marito a moglie, che passeggiavano. In un primo momento, il tentativo di scippo della collanina indossata dalla signora non andava a buon fine perché il marito tentava istintivamente di proteggerla, ma poi entrambi i coniugi venivano percossi dai due e la signora cadeva, sbattendo la nuca, per terra. I ladri si allontanavo correndo in direzione di corso Brunelleschi, con la collanina in mano.

Un carabiniere libero dal servizio assisteva alla scena ed immediatamente notiziava il 112 NUE fornendo descrizione e via di fuga della coppia.

Una pattuglia adibita ai servizi di prevenzione sul territorio, appartenente al Comm.to San Paolo, intercettava i due cittadini stranieri in corso Francia e li inseguiva, riuscendo a bloccarli in piazza del Monastero . Il più giovane, di 23 anni, tentava di disfarsi di un oggetto buttandolo in un tombino di scolo ma gli operatori riuscivano a fermarlo appena in tempo, recuperando proprio la collanina con tre ciondoli rapinata all’anziana signora in via Fidia. Poco distante, veniva rinvenuta anche la bicicletta utilizzata da uno dei rei per allontanarsi dal luogo del reato.

Il personale del Comm.to San Paolo, a conoscenza di altri fatti delittuosi analoghi perpetrati nelle ultime settimane, convocava in ufficio una delle vittime, avendo fondato motivo di ritenere che una delle collane al collo di uno degli arrestati fosse in realtà provento di furto, soprattutto in considerazione di una evidente riparazione fai da te ad uno dei ganci di chiusura della stessa. Negli uffici del Comm.to si presentava dunque un uomo rapinato il primo agosto nei pressi della Tesoriera da due soggetti, uno dei quali a bordo di bicicletta nera: questi riconosceva  come propria la collana rinvenuta nella disponibilità dell’arrestato. Pertanto, entrambi i cittadini marocchini sono stati arrestati per rapina in concorso in flagranza commessa nei confronti di persona ultrasessantacinquenne e denunciati in trascorsa flagranza per il furto con destrezza del primo Agosto.

 

 


22/08/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

22/09/2019 12:32:36