Questura di Taranto

  • Via Giovanni Palatucci n.5 - 74121 TARANTO ( Dove siamo)
  • telefono: 0994620111
  • email: dipps181.00f0@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Complice la badante, ruba gioielli in casa di un'ottantenne. Arrestato

CONDIVIDI
Polizia di Stato

Le indagini degli Agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile presero il via lo scorso mese di ottobre, a seguito di un sopralluogo di furto effettuato pochi giorni prima in casa dell'ottuagenaria signora

Le indagini degli Agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile presero il via lo scorso mese di ottobre, a seguito di un sopralluogo di furto effettuato pochi giorni prima in casa dell'ottuagenaria signora.

A dare notizia dell'accaduto al 113 era stata la badante dell'anziana, che fuori Taranto per motivi di salute, le aveva affidato la cura della casa.

Agli Agenti intervenuti sul posto però erano apparsi sin da subito poco credibili sia il racconto della badante che aveva dato l'allarme che l'osservazione della scena del furto: il ritrovamento poco credibile di alcune lenzuola annodate fra loro ed ancorate al balcone dell'appartamento, da far credere che quella fosse stata la via di fuga dei ladri, e la constatazione che tutti i locali dell'appartamento erano stati rovistati ma senza essere messi a soqquadro come abitualmente accade nel corso di un furto.

L'articolato e meticoloso lavoro della Polizia Scientifica ha permesso nel giro di poco più di un mese di ricostruire l'esatta dinamica dei fatti e di individuare quale responsabile del furto Giuseppe GERI, tarantino di 41 anni già noto alle Forze dell'Ordine, attuale compagno della "fidata" badante.

Lo stesso, con la complicità della sua convivente, si era introdotto nell'appartamento della signora e su sue precise indicazioni si era impossessato di monili e preziosi per un valore di circa 20.000 euro, aprendo anche una cassaforte ben occultata dietro un quadro le cui chiavi erano state nascoste con cura dalla proprietaria.

Subito dopo aveva inscenato la fuga dal balcone nel vano tentativo di fuorviare gli investigatori.

Ieri il G.I.P. del locale Tribunale ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del quarantunenne, che è stato rintracciato dagli investigatori ed associato presso la locale Casa Circondariale con l'accusa di furto.

La complice è stata denunciata in stato di libertà per lo stesso reato.


06/12/2011

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

15/07/2024 19:51:02