Questura di Taranto

  • Via Giovanni Palatucci n.5 - 74121 TARANTO ( Dove siamo)
  • telefono: 0994620111
  • email: gab.quest.ta@pecps.poliziadistato.it
  • facebook
  • twitter

Operazione “ IMPERATOR”: organizzavano finti matrimoni per extracomunitari.

CONDIVIDI
operaziuone IMPERATOR

Eseguita dalla Polizia di Stato ordinanza di custodia cautelare nei confronti di sei persone. Altri nove gli indagati.

eseguito  un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Taranto, nei confronti di quattro  persone, due uomini in carcere  e due donne agli arresti domiciliari.

Altri due componenti del gruppo criminale sono stati colpiti dalla misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Tutti sono ritenuti responsabili a vario titolo di concorso in favoreggiamento alla permanenza di cittadini stranieri nel territorio italiano, false dichiarazioni, favoreggiamento personale, truffa e favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

I due tarantini, rispettivamente di 36 e 52 anni, destinatari della custodia cautelare in carcere, avevano messo in piedi un'articolata e capillare organizzazione dedita, anche attraverso matrimoni fittizi, alla regolarizzazione di immigrati clandestini ed al favoreggiamento della prostituzione.

I due, che tiravano le fila del  sodalizio , hanno mostrato di essere in possesso  di una spiccata capacità delinquenziale riuscendo a coinvolgere nell'illecita attività altre  persone. Tra i componenti dell'associazione, infatti, figurano anche la moglie – una cittadina bielorussa di 31 anni –  e la madre del più giovane degli arrestati  alle quali era stato affidato un importante ruolo nella gestione dell’attività di prostituzione.

L’attività investigativa ha permesso, inoltre,  di scoprire lo sfruttamento di giovani  italiane e straniere avviate alla prostituzione con il coinvolgimento delle due donne dell'organizzazione poste ai domiciliari.

Un cittadino marocchino di 52 anni, che aveva il ruolo di procacciare i clienti fra gli extracomunitari bisognosi di una regolarizzazione,  ed un consulente del lavoro - una donna di 62 anni -  che aveva anch'essa un ruolo attivo nella gestione dell'illecito traffico, sono stati sottoposti alla misura cautelare di divieto di dimora nel capoluogo jonico.

Su altri nove soggetti sono emersi elementi di responsabilità per i quali sono stati indagati dalla locale Procura della Repubblica.


19/05/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

03/12/2022 16:01:46