Questura di Salerno

  • Piazza Giovanni Amendola, 16 - 84121 SALERNO ( Dove siamo)
  • telefono: 089613111
  • email: Consulta elenco PEC in Orari e Uffici della Questura

Salerno: “Una vita da social”

CONDIVIDI
truk

Campagna educativa della Polizia di Stato contro i pericoli della Rete - IX edizione

Dopo l’ampio consenso riscosso nelle precedenti edizioni, anche quest’anno la Polizia di Stato ha programmato la campagna educativa itinerante “una vita da social”, giunta alla sua IX edizione, il cui scopo è quello di fare opera di sensibilizzazione sui rischi connessi all’utilizzo della rete internet.  Un progetto al passo con i tempi che ha coinvolto, in particolare, gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni che negli anni hanno incontrato oltre 2 milioni e mezzo di studenti nelle piazze e nelle scuole, 220.000 genitori, 125.000 insegnanti, per un totale di 18.500 istituti scolastici e oltre 350 città sul territorio e con all’attivo una pagina facebook con 132.000 like e 12 milioni di utenti mensili sui temi della sicurezza online.

Il tour, cofinanziato dalla Commissione Europea e dal Ministero dell’Istruzione, nell’ambito del progetto generazioni connesse, partito da Bologna il 3 novembre 2021, ha fatto tappa oggi, mercoledì 23 marzo,  a Salerno, in piazza Amendola.

Gli  specialisti della Polizia di Stato, a partire dalle ore 10.00, a bordo di un truck allestito con un’aula didattica multimediale, hanno incontrato studenti, genitori e insegnanti per spiegare i fenomeni connessi alla violenza in rete, analizzando, con un linguaggio diretto ed efficace, i pericoli presenti sui social network nonché le tematiche  del cyberbullismo.  In tale contesto verranno evidenziate le implicazioni di carattere giuridico e gli effetti che si possono avere sulla vita dei giovani.

Le scuole di Salerno coinvolte sono state:

-          Istituto  Comprensivo Gennaro BARRA

-          Istituto Comprensivo  Medaglie d’ORO

-          Istituto Comprensivo Vicinanza -  Pirro

-          Liceo Statale Regina MARGHERITA.

Un altro  aspetto che è stato approfondito è quello legato ai profili falsi. Da una ricerca effettuata da Skuola.net è emerso che 1 ragazzo su 3, sul proprio social di riferimento, possiede un account falso; sono circa il 28% quelli che dichiarano di averne uno oltre a quello “ufficiale”, mentre il 5% è presente ma solo con un fake.  I motivi di questa identità anonima sono da individuare principalmente nell’esigenza di conoscere gente nuova senza esporsi troppo online (26%), oppure per controllare i propri amici senza che loro lo sappiano (21%), nonché per controllare tutti quelli da cui sono stati bloccati (20%). Non manca chi ricorre ai fake per controllare il proprio partner (10%) o chi cerca di sfuggire dal controllo dei propri genitori (il 4%).

C'è stato anche un momento di condivisione dedicato agli studenti che attraverso la pagina Facebook “Una vita da social” (https://www.facebook.com/unavitadasocial/) hanno lanciato il loro messaggio positivo contro il cyberbullismo.

Capire i ragazzi oggi non è per gli adulti compito agevole, soprattutto quando si tratta di comprenderne i bisogni, i modelli di riferimento, gli schemi cognitivi inerenti ai diversi gruppi di riferimento che compongono il variegato universo giovanile. Giovani che sempre più spesso restano “contagiati” da modelli sociali trasgressivi completamente sconosciuti ai genitori. I social network infatti sono ormai uno strumento di comunicazione del tutto integrato nella quotidianità dei teenager.  Per fare della Rete un luogo più sicuro occorre continuare a diffondere una cultura della sicurezza online in modo da offrire agli studenti occasioni di riflessione ed educazione per un uso consapevole degli strumenti digitali.

Al riguardo, il Vicario del Questore, dott. Paquale Picone, ha sottolinea che “l’obiettivo dell’iniziativa è certamente quello di prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione, molestie online, attraverso un’opera di responsabilizzazione all’uso degli strumenti informatici”.

 Anche la Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Campania, dott.ssa Maria Rosaria Romana, ha evidenziato come “dai dati in nostro possesso e dagli incontri nelle scuole di ogni ordine e grado emerge in modo incontrovertibile l’importanza delle attività di prevenzione. Dall’inizio dell’anno scolastico ad oggi sono state visitate più di 50 scuole incontrando circa 12.000 studenti e 1.200 docenti”.

vita da social

L’impegno della Polizia di Stato, dunque, è quello di essere sempre al fianco dei ragazzi con un solo grande obiettivo: “fare in modo che il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie, non mieta più vittime”.

Testimonials speciali  della tappa di Salerno  sono  stati la U.S. Salernitana 1919, che è intervenuta i calciatori Milan Duric ed Ederson José Dos Santos,  Maria Negri, che con il duo Blue Channel ha preso parte all’dizione 2021 di Xfactor e la Professoressa  Maria Rosa Petolicchio, che ha partecipato al reality il Collegio.

Alle ore 11.00  sono salite  a bordo del truk le autorità invitate, tra cui il Prefetto Francesco Russo, l’Arcivescovo Metropolita Andrea Bellandi  e gli altri rappresentanti civili e militari della Provincia.

Le successive tappe previste in Campania sono le seguenti :

- il 24  marzo a Napoli – quartiere Scampia;

- il 21 aprile a Benevento ;

- il 22 aprile ad Aversa (CE).


22/03/2022
(modificato il 13/04/2022)

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

15/08/2022 00:35:41