Questura di Reggio Emilia

  • Via Dante Alighieri n. 10 - 42121 REGGIO EMILIA ( Dove siamo)
  • telefono: 0522458711
  • fax: 0522458777
  • email: dipps169.00F0@pecps.poliziadistato.it

MAXI CONTROLLI INTERFORZE AI LABORATORI CINESI

CONDIVIDI
a

La Questura ha coordinato imponente servizio di controlli interforze ai laboratori manufatturieri cinesi, in quanto fenomeno in crescente aumento nella provincia reggiana. Elevate pesanti sanzioni dalla DPL reggiana, oltre 16.000 euro.

Ieri notte la Questura ha coordinato un massiccio servizio straordinario di controlli ai laboratori artigianali cinesi, effettuato dall'Ufficio Immigrazione, dalle Volanti, dai Vigili del Fuoco, dal Reparto Prevenzione Crimine e dalla Ufficio Provinciale del Lavoro.

L'obiettivo del Questore, che ha disposto il servizio e richiesto la collaborazione degli altri Uffici competenti sulla materia, è stato intensificare ed approfondire i profili di legalità all'interno dei laboratori cinesi, fenomeno in largo aumento nella provincia reggiana, indagando su eventuali fenomeni di microcriminalità, immigrazione clandestina e irregolarità amministrative.

Sono stati effettuati controlli a quattro laboratori tessili di proprietà di cittadini cinesi, siti in via Ramazzini e F. Gioia, dove complessivamente sono state identificate circa 80 persone di nazionalità cinese, tutte in regola con le norme sul soggiorno in Italia.

Gli opifici controllati erano tutti strutturati nello stesso modo: capannoni locati da cittadini italiani, suddivisi in due stanze, una più grande attrezzata a laboratorio con numerosissime macchine per maglieria, e una più piccola, adibita a dormitorio con un piccolo angolo cucina.

I Vigili del Fuoco hanno accertato numerose violazioni alle norme di competenza, elevando sanzioni amministrative a carico dei responsabili, che riguardano irregolarità sulla sicurezza sui luoghi di lavoro: oltre la fatiscenza e la scarsa igiene dei locali, hanno rilevato la totale assenza di uscite di sicurezza, estintori e corsie indicate per la fuga.

Il personale dell'Ufficio del Lavoro ha accertato che in uno dei quattro laboratori ispezionati 8 lavoratori su 14 non erano stati regolarmente assunti ed ha quindi sanzionato i datori di lavoro a pagare 16.000 euro, oltre un'ulteriore somma legata al recupero contributivo non versato.

Inoltre in uno dei laboratori è stata sospesa l'attività, salvo il pagamento di una sanzione da 1.500 euro, per permetterne la sanatoria.


18/02/2011

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

24/07/2024 19:28:36