Questura di Reggio Emilia

  • Via Dante Alighieri n. 10 - 42121 REGGIO EMILIA ( Dove siamo)
  • telefono: 0522458711
  • fax: 0522458777
  • email: dipps169.00F0@pecps.poliziadistato.it

CLANDESTINO CON UN’IDENTITA’ “RUBATA”

CONDIVIDI
v

Le Volanti fermano un clandestino egiziano con documenti falsi, ma con identità vera, rubata ad un connazionale regolare: denunciato per ricettazione, uso di atto falso, sostituzione di persona ed immigrazione clandestina.

Ieri pomeriggio, intorno alle ore 14.30, nel corso di un normale controllo di Polizia, gli agenti chiedevano i documenti per l'identificazione ad un cittadino extracomunitario: questi a riprova della propria identità mostrava una Carta d'Identità e una tessera sanitaria rilasciate a certo A.B.M. dalle autorità competenti dello Stato italiano.

Da accertamenti presso la Banca Dati Interforze il documento risultava smarrito, come da denuncia fatta dall'avente diritto, effettivamente A.B.M., egiziano, residente a Reggio Emilia.

Evidenti tratti distintivi facevano risultare la contraffazione della Carta d'Identità, che recava in particolare nel frontespizio sotto la dicitura "Comune di" si legge stampato "REGGIO NELL'EMIKIA"

e non essendovi la firma del titolare.

A seguito dei primi riscontri compiuti passando il documento sotto lo strumento a luce fluorescente "Lampada di Wood", non si notavano elementi tipici ad attestare la veridicità del documento in questione: in particolare la filigrana non era presente nella carta del documento.

Il soggetto, accompagnato in Questura per accertamenti, riferiva chiamarsi H.E., 35enne egiziano, sul territorio in stato di clandestinità, mostrandosi reticente sul possesso dei documenti che aveva mostrato.

L'uomo veniva inoltre trovato in possesso di una tessera bancomat, ed aveva con sè documentazione di tale Istituto, attestante un conto acceso presso una filiale di Parma, il tutto intestato a A.B.M.

A seguito di accertamenti, si evinceva che la tessera bancomat era stata rilasciata dalla filiale bancaria allo H.E. dopo che lo stesso aveva presentato la Carta d'Identità contraffatta: accertati tali elementi si procedeva al sequestro della tessera bancomat e dei documenti sopracitati.

Lo straniero veniva quindi denunciato per i reati di ricettazione, sostituzione di persona, uso di atto falso ed immigrazione clandestina.


07/12/2010

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

04/03/2024 05:28:34