Questura di Ravenna

  • Viale Enrico Berlinguer, 20 - 48124 RAVENNA ( Dove siamo)
  • telefono: 0544294111
  • email: dipps167.00F0@pecps.poliziadistato.it

La Polizia arresta latitante che esibisce documenti falsi durante un controllo

CONDIVIDI

La Polizia di Stato ha arrestato un uomo per il possesso di documenti falsi e ai fini dell’estradizione, poiché ricercato in ambito internazionale.

            Nella tarda mattinata del 4 agosto scorso, nel tratto di autostrada che attraversa il comune di Cotignola, una pattuglia della Sezione di Polizia Stradale di Ravenna ha proceduto al controllo di un autocarro, con a bordo il solo conducente.

            L’uomo ha mostrato agli agenti la patente, la carta di identità e la carta di qualificazione del conducente, tutti documenti apparentemente rilasciati dalle autorità rumene.

            All’esito di un attento esame dei documenti esibiti, che apparentemente riportavano tutti gli elementi di anticontraffazione previsti, i poliziotti hanno notato alcune piccole discrasie.

            Sul posto giungeva un secondo equipaggio della Squadra di Polizia Giudiziaria che stava svolgendo un servizio di prevenzione e contrasto delle attività delittuose nei tratti autostradali, attività che la Polizia Stradale ha incrementato per la stagione estiva.

            I successivi approfondimenti svolti in collaborazione con il centro di cooperazione internazionale di Polizia di Thörl Maglern, hanno permesso di accertare la falsità dei documenti presentati.

            Successivamente l’uomo è stato accompagnato in ufficio per l’identificazione.

            L’esame delle impronte digitali e gli accertamenti effettuati col contributo del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, Divisione Interpol, Sezione Latitanti Passivi del Ministero dell’Interno, hanno permesso di identificare compiutamente l’uomo, che è risultato essere un cittadino extraeuropeo ricercato in ambito internazionale ai fini dell’estradizione, dovendo scontare una pena di cinque anni e quattro mesi per il reato di rapina, commessa nell’anno 2015 nel proprio paese di origine.

            Per quanto esposto lo straniero veniva accompagnato in carcere in stato di arresto per il possesso di documenti falsi e ai fini dell’estradizione.

            L’Autorità Giudiziaria di Bologna e Ravenna, ciascuna per quanto di competenza, hanno convalidato i predetti provvedimenti restrittivi.


11/08/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

15/04/2024 07:17:45