Questura di Pisa

  • Via Lalli n. 3 - 56127 PISA ( Dove siamo)
  • telefono: +39 050583511
  • email: dipps160.00f0@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Polizia Amministrativa - controlli ad esercizi commerciali in centro città

CONDIVIDI
.

Nella giornata del 14.07.2023 la Polizia di Stato, attraverso la Squadra di Polizia Amministrativa della Questura, ha concluso due operazioni inerenti i controlli ad esercizi commerciali del centro città, per disciplinare al meglio la movida cittadina, evitare derive di illegalità e mancato rispetto della normativa di settore, con l’obiettivo di bilanciare le attività economiche con la vivibilità urbana pretesa a buon diritto da parte dei residenti.

La prima operazione, che si è conclusa con la irrogazione di una multa di 5.000 euro e la successiva segnalazione al comune di Pisa per le valutazioni di competenza ad un negozio etnico di vicinato sui Lungarni, conclude un servizio effettuato dai poliziotti in abiti civili in settimana, nell’ambito del più ampio servizio serale e notturno interforze effettuato per contrastare le situazioni di illegalità in centro:  poco prima di mezzanotte una coppia di poliziotti, fingendosi turisti in cerca di refrigerio serale, si è appostata nei pressi dell’ esercizio commerciale, non autorizzato alla somministrazione di bevande alcoliche ma solo alla vendita tout court, alla stregua di ogni minimarket. Dopo pochi minuti, hanno notato che l’addetto stappava e somministrava ad un cliente una bottiglia di birra, operazione non prevista nel corpo della licenza comunale. I poliziotti si sono qualificati, hanno identificato il cliente ed hanno contestato la violazione al titolare dell’esercizio commerciale, che ha ricevuto la pesante sanzione pecuniaria. Verrà inviata anche una segnalazione al comune di Pisa, per valutare eventuali provvedimenti di chiusura temporanea dell’esercizio.

La seconda operazione conclude un intervento effettuato nei giorni scorsi, sul quadrante serale, nella zona delle Vettovaglie da una pattuglia della Polizia, chiamata da un cittadino tunisino che riferiva di essere stato colpito a bastonate da un cittadino orientale titolare di un minimarket di vicinato. L’uomo, noto ai poliziotti per il suo carattere molesto ed irascibile dovuto all’ abuso ricorrente di alcol, rintracciato dai poliziotti nella vicina via Cavalca, presentava in effetti  una ferita al capo con perdita di sangue. Dopo avergli consigliato di ricorrere alle cure mediche e di sporgere denuncia in Questura, i poliziotti hanno identificato il presunto autore delle bastonate e acquisito le immagini delle telecamere di sorveglianza, che hanno inequivocabilmente confermato la versione della vittima. Che, probabilmente con atteggiamento molesto, stazionava dinanzi al minimarket e che al culmine della vicenda era stato colpito al capo da un grosso bastone, impugnato a due mani a mò di clava dal negoziante. A cui, convocato in Questura per acquisire la sua versione, è stato contestato sia il reato commesso ,sia il fatto di non aver allertato il 112NUE per il pronto intervento delle pattuglie deputate al controllo del territorio che, come sempre, sono intervenute anche in questo caso per ripristinare la legalità. All’ uomo è stato notificato il decreto del Questore, con efficacia dalla mezzanotte di oggi e per 15 giorni, di chiusura dell’ esercizio commerciale ai sensi dell’ Art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, che forniscono al Questore in quanto Autorità provinciale di Pubblica Sicurezza un importante strumento  per chiudere temporaneamente quegli esercizi pubblici, ove avvengono turbative all’ ordine e alla sicurezza pubblica; per evitare il pericoloso reiterarsi di episodi del genere o di rappresaglie della controparte. Una attenzione particolare da parte della Questura e delle altre Forze di Polizia facenti parte del dispositivo, per evitare degenerazioni della movida incidenti sulla vivibilità urbana, con costanti servizi interforze pianificati e dedicati. Il tunisino che ha ricevuto la bastonata, attesi i precedenti e lo stato di clandestinità,  all' indomani dei fatti è stato accompagnato al centro di permanenza di Bari, per essere definitivamente espulso dal territorio nazionale con destinazione Tunisi


15/07/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

21/06/2024 15:30:13