Questura di Parma

  • Borgo della Posta, 14 - 43100 PARMA ( Dove siamo)
  • telefono: 0521219411
  • email: VEDI ORARI E UFFICI

Lite al supermercato Lidl. Arrestata 33enne per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale

CONDIVIDI
234232

Ieri pomeriggio le Volanti sono intervenute presso il supermercato Lidl di via Venezia a seguito di richiesta di intervento da parte del responsabile dell’esercizio commerciale, per lite con percosse tra una cassiera del supermercato e 3 clienti, due uomini e una donna.

La Volante, giunta sul posto, prendeva contatti con il richiedente, e con la cassiera. Quest’ultima riferiva di essere stata aggredita da una cliente che si accompagnava a due uomini, e che riconosceva uno dei due, come lo stesso che la settimana precedente l’aveva minacciata a seguito di un diverbio per un’incomprensione sul pagamento di alcuni prodotti acquistati.

Nel frattempo giungeva in ausilio un’altra volante che individuava e identificava nel parcheggio del supermercato,  l’autrice dell’aggressione una 33enne italiana, la quale ammetteva di aver avuto un  diverbio con la cassiera al termine del quale le aveva tirato i capelli. Durante le fasi del controllo la donna cominciava a dare segni di insofferenza andando in escandescenza e indirizzando frasi ingiuriose offensive e denigratorie ai poliziotti  presenti sul posto.  La condotta perdurava, nonostante gli agenti operanti cercassero di stemperare gli animi, invitando la donna a calmarsi. Quest’ultima, allo scopo di dileguarsi, si voltava repentinamente e sferrava un pugno in pieno volto al poliziotto che cercava di impedirne la fuga, causandogli una ferita al labbro superiore.

A questo punto, la donna con non poche difficoltà, perché continuava a dimenarsi e colpire i poliziotti  con calci e pugni, veniva fatta accomodare nell’autovettura di servizio.

Durante queste fasi concitate, dalla folla che si era lì radunata per assistere a quanto stesse accadendo, si staccava un uomo, un cittadino tunisino, successivamente identificato, il quale palesandosi come il compagno della donna, cercava di impedirne la collocazione nell’auto di servizio opponendo resistenza e cercando di impedire che gli Agenti procedessero nel loro operato. Opportunamente fermato, anche quest’ultimo veniva  accompagnato in Questura per procedere nei suoi confronti.

Giunti in Questura, al temine degli accertamenti, la donna una trentatreenne italiana veniva tratta in arresto per il reato di Resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e deferita in stato di libertà  all’Autorità Giudiziaria per il reato di Oltraggio a Pubblico Ufficiale. Su disposizione dell’Autorità giudiziaria, la donna  veniva collocata agli arresti domiciliari presso il proprio domicilio.

Il compagno, un 33enne tunisino  pluripregiudicato, per la sua condotta, veniva deferito in stato di libertà  all’Autorità Giudiziaria per  reato di Resistenza a pubblico Ufficiale.

 


28/04/2022

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

30/06/2022 06:18:37