Questura di Palermo

  • Salita Antonio Manganelli in piazza Vittoria n.8 - 90134 PALERMO ( Dove siamo)
  • telefono: 091210111
  • email: dipps155.00F0@pecps.poliziadistato.it;

La Polizia di Stato ricostruisce numerosi episodi di furti e rapine

CONDIVIDI
volante della Polizia di Stato

Arrestate tre persone

Nel corso di due distinti episodi, la Polizia di Stato ha tratto in arresto tre persone, due in flagranza di reato ed una in esecuzione di un provvedimento restrittivo. Gli arresti sono il risultato di una intensificazione del dispositivo di sicurezza ed allo stesso tempo il sintomo dell’attenzione che la Polizia di Stato rivolge alla prevenzione ed insieme alla repressione di fenomeni predatori. Nell’ultimo periodo, si è registrato un incremento di furti in area metropolitana, perpetrati in danno di esercizi commerciali e con il metodo della cosiddetta “spaccata”. Si tratta di reati predatori la cui gravità va ben oltre il danno patrimoniale arrecato perché incidono sulla sensibilità del cittadino, generando timori ed insicurezze per la violenza e la platealità delle irruzioni, strumentali ai furti e che tanta eco hanno suscitato sugli organi di stampa. Sulla base di questa considerazione, la Questura di Palermo non ha lesinato sforzi e, ricorrendo a tutte le sue articolazioni dispiegate sul territorio, ha perfezionato il dispositivo di sicurezza, specialmente in orario notturno, raccogliendo importanti indicazioni dalla georeferenziazione di questo tipo di reato e dispiegando di conseguenza le pattuglie sul territorio. E’ degli scorsi giorni un importante risultato raggiunto: l’arresto di un uomo ed una donna, palermitani, accusati di avere poco prima compiuto un furto “con spaccata”, ai danni di un esercizio di via Marchese di Villabianca. Poco prima delle 2:00, è stata diramata alle pattuglie della Polizia di Stato la notizia dell’intrusione furtiva in un esercizio del centro ad opera di ignoti che ne avevano infranto la vetrata e razziato articoli dalle vetrine e dagli scaffali. Sulla base delle ipotizzabili vie di fuga, le pattuglie della Polizia di Stato ed in particolare i “Falchi” della Squadra Mobile hanno percorso in modo concentrico le zone adiacenti a quella dell’esercizio depredato. Ha destato sospetti, in via Cirrincione, la presenza di un auto con a bordo un uomo ed una donna; la vettura è stata bloccata da una pattuglia di Falchi che ha effettuato un controllo di polizia: è emerso come i due avessero al seguito capi di abbigliamento ed accessori chiaramente riconducibili all’esercizio “visitato” prima dai ladri. Gli articoli, capi di abbigliamento, scarpe ed orologi del valore complessivo di 2000,00 euro circa, sono stati riconosciuti dalla proprietaria del negozio ed a lei sono già stati riconsegnati. I due sono stati tratti in arresto. Indagini e riscontri sono in corso per verificare se altri, analoghi e recenti furti con “spaccata” possano ricondursi alla coppia tratta in arresto. Il provvedimento restrittivo è già stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria. Per quanto riguarda il secondo episodio, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere, emessa dal Gip della Procura della Repubblica di Palermo, a carico di un 20enne, in quanto ritenuto gravemente indiziato di una serie di furti e rapine in abitazione commessi a Palermo tra agosto e novembre del 2022. Il provvedimento restrittivo scaturisce dalle attività d’indagine avviate in ordine ad un furto in abitazione commesso il 21.08.2022, ad un tentato furto in abitazione avvenuto nella stessa data e ad una rapina in abitazione commessa il 13.11.2022. L’attività investigativa, condotta dalla Squadra Mobile in sinergia con i Commissariati di P.S. “Modello” e “Portanuova”, è stata diretta e coordinata dalla locale Procura della Repubblica, sviluppandosi nell’immediatezza dei fatti attraverso la raccolta e la comparazione delle impronte papillari evidenziate sul luogo dei fatti, che hanno permesso di riscontrarne la corrispondenza con i dati dell’odierno arrestato, presenti agli archivi di polizia. I riscontri dattiloscopici sono stati suffragati dalle dichiarazioni rese dalle parti offese, oltreché dalle attività tecniche che hanno permesso di ricostruire un quadro gravemente indiziario a carico dell’uomo, sospettato di essere l’autore di svariati delitti contro il patrimonio commessi in un ristretto arco temporale. In particolare, 1) Furto commesso in data 21.08.2022 presso un’abitazione di Mondello, ove si impossessava di svariati beni (gioielli per un valore di circa 10.000,00 €) nonché della somma di euro 400,00 e del passaporto della proprietaria di casa. Con l’aggravante di aver commesso il fatto con violenza sulle cose, utilizzando un’autovettura provento di furto con la quale danneggiava il cancello di ingresso dell’abitazione, nonché danneggiandone gli ingressi e le finestre. 2) Tentato furto, commesso sempre in data 21.08.2022, presso altra abitazione di Mondello, con l’aggravante di aver commesso il fatto con violenza sulle cose consistita nel danneggiare la persiana di una delle finestre dell’abitazione; 3) Rapina commessa in data 13.11.2022 presso un’abitazione della zona di Porta Nuova. In quest’ultimo episodio l’uomo, dopo aver fatto ingresso nell’abitazione, sfruttando un paio di forbici da giardinaggio, mediante minaccia e violenza fisica esercitata nei confronti dell’anziana proprietaria, consistita nello spintonarla, nel tirarle i capelli e darle un calcio sul piede, nonché nell’impedirle di cercare aiuto strappandole il cellulare dalle mani e staccando il filo del telefono fisso, si impossessava di denaro, preziosi ed anche di una vettura a bordo della quale si dava alla fuga. L’uomo è ristretto presso la locale casa circondariale. L’attività della Polizia di Stato, in relazione all’individuazione di chi si sia reso responsabile di questo tipo di reati predatori proseguirà senza soluzione di continuità e coinvolgerà in uno sforzo congiunto e sistematico tutte le articolazioni di polizia, sia quelle investigative che di “controllo del territorio”. Giova precisare che gli indagati sono indiziati in merito ai reati contestati e che la loro posizione sarà definitiva solo dopo l’emissione di una, eventuale, sentenza passata in giudicato, in ossequio al principio costituzionale della presunzione di innocenza.


06/05/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

15/07/2024 06:27:20