Questura di Padova

  • Piazzetta G. Palatucci, 5 - 35123 PADOVA ( Dove siamo)
  • telefono: 049833111
  • email: dipps157.00f0@pecps.poliziadistato.it

Polizia Stradale

CONDIVIDI
1

Risultati significativi a seguito di controlli tecnici su strada eseguiti su veicoli circolanti in ambito comunitario.

Il Compartimento Polizia Stradale del Veneto e la Direzione Generale dei Trasporti Terrestri di Venezia rafforzano la collaborazione e l'impegno nell'azione di controllo congiunto a tutela della sicurezza della circolazione stradale. Una partnership consolidata: dai controlli ai veicoli commerciali all'attività di repressione dell'abuso di alcool e droga da parte dei conducenti più giovani. La collaborazione tra la Polizia Stradale e il Dipartimento dei Trasporti Terrestri avviata in Veneto nel 2002 in attuazione del D.M. 19 marzo 2001 e della Direttiva 2000/30/CEE del Parlamento europeo relativa ai controlli tecnici su strada dei veicoli circolanti in ambito comunitario, ha fatto registrare sin da subito risultati piuttosto significativi consentendo mediante l'utilizzo dei CMR (Centri Mobili di Revisione) e l'affiancamento "su strada" alla Specialità di personale tecnico del Dipartimento dei Trasporti Terresti, di estendere i controlli allo stato di efficienza dei veicoli commerciali (ispezione tecnica) destinati al trasporto di persone e cose, una delle cause degli incidenti stradali, ma che comunque, quella preminente è l'inosservanza delle norme di comportamento, che vedono coinvolti mezzi pesanti. Il dato nazionale riferito al primo mese di attività ha evidenziato che il 43% dei veicoli controllati nell'ambito di dispositivi congiunti era irregolare. La collaborazione si è dunque andata consolidando in questi anni mediante l'adozione in tutta la regione di un numero sempre più elevato di dispositivi che sono stati attuati privilegiando le aree autostradali e di viabilità ordinaria maggiormente interessate dal traffico commerciale, con particolare riguardo alle arterie adducenti ai valichi di frontiera terrestre ed ai porti ed interporti e sottoponendo a controllo sia i veicoli immatricolati in Italia sia quelli immatricolati in Stati membri dell'U.E ed extra U.E. La disponibilità immediata delle stazioni di controllo mobile e delle sofisticate dotazioni di bordo (banco prova freni e rulli, opacimetro, banco prova giochi, pesa ecc) ha consentito di adeguare i controlli alle nuove esigenze di sicurezza e ambientali correlate all'intensificazione del traffico commerciale registratesi negli ultimi anni: sono 2300 i servizi svolti con l'impiego di 9337 operatori della Polizia Stradale e 4.878 funzionari e tecnici del Dipartimento dei trasposti terrestri, a decorre dal 2002 e fino al termine del 2011. Nell'ambito dell'attività di controllo congiunto sono stati oggetto di verifica 26.964 veicoli commerciali e contestate ben 33.437 violazioni, per di più riconducibili all'inefficienza dei dispositivi di dotazione (art. 79 del cds) e alla mancato rispetto dei tempi di guida e di riposo del conducente (art. 174 cds); ritirate 285 patenti di guida e 983 carte di circolazione. E altrettanto significativi appaiono i risultati conseguiti nel corso dell'anno 2011: 4.486 i veicoli oggetto di controllo e 5036 le infrazioni contestate, sempre in prevalenza riferite alle violazioni di cui agli art. 79 e 174 del cds. Ed i risultati conseguiti rapportati a quelli dell'anno 2010, evidenziano l'efficacia dell'azione di prevenzione svolta dai dispositivi congiunti: a fronte di un incremento del 4,04% dei veicoli controllati si è registrata infatti una diminuzione pari al 20,76% delle infrazioni accertate. Il rafforzamento dell'azione di controllo tecnico compiuto nel corso di dispositivi mirati e sistematici, anche mediante l'opera di informazione svolta in favore dell'utenza, ha evidentemente indotto il settore dell'autotrasporto ad una maggiore attenzione agli standard di sicurezza e alla tenuta in efficienza dei veicoli. La positiva esperienza maturata in questi anni che ha senz'altro già contribuito al perseguimento dell'obiettivo generale imposto dalla Comunità Europea di riduzione del 50% del tasso di mortalità, suggerisce l'individuazione di nuovi ambiti di collaborazione. A tal fine il Dirigente del Compartimento Polizia Stradale del Veneto, Dirigente Superiore Michele La Fortezza e il Direttore della Direzione Generale del Nord Est, Ingegner Giovanni Lanati, hanno pertanto stilato un nuovo accordo prevedendo questa volta che nuovi mezzi in dotazione al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ed in particolare alla Direzione Generale Territoriale del Nord est di Venezia denominati "Uffici mobili" (SR1 e SR2) - a bordo dei quali opereranno una Squadra tecnica ed una Squadra amministrativa composta da proprio personale specializzato - affiancheranno la Polizia Stradale nell'ambito dei dispositivi mirati di controllo denominati "stragi del sabato sera". Le stazioni mobili ospiteranno a bordo anche personale sanitario, medici delle ASL e della Polizia di Stato, incaricato degli accertamenti sui liquidi biologici tesi alla verifica delle condizioni psico-fisiche dei conducenti oggetto di controllo, da parte degli operatori della Polizia Stradale. L'attività di controllo svolta dalla Specialità per contrastare la sinistrosità notturna dei fine settimana legata alla mobilità giovanile che viene svolta in tutto il Veneto, oltre che dalle singole Sezioni, anche in ambito interprovinciale mediante l'impiego di operatori provenienti da Sezioni limitrofe, potrà dunque contare sul supporto del personale del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti intensificando l'azione di controllo rivolta ai veicoli commerciali anche nei fine settimana ed in orario notturno. Il piano d'intervento e le principali dotazioni che saranno messe in campo nell'ambito dei dispositivi dal Compartimento Polizia Stradale e dalla Direzione Generale Territoriale del Nord Est di Venezia, saranno rappresentati in occasione di una conferenza stampa che si terrà il 2 febbraio p.v. a Venezia-Mestre, presso gli uffici della Direzione Generale, in via della Motorizzazione 13.
03/02/2012

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

01/02/2023 09:45:15