Questura di Oristano

  • Via Beatrice D`Arborea nr. 4 - 09170 ORISTANO ( Dove siamo)
  • telefono: 078321421
  • email: gab.quest.or@pecps.poliziadistato.it

Attività svolta dalla Polizia di Stato nel 2020

CONDIVIDI

Il 2020 è stato un anno particolare caratterizzato dall’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione, su scala planetaria, del virus Covid-19 che ha provocato milioni di contagi e migliaia di morti.

La delicata fase che ha attraversato il nostro paese dall’inizio dell’anno, ha visto l’adozione di una serie di misure restrittive alla libera circolazione delle persone, cui hanno fatto seguito, successivamente, graduali limitazioni delle limitazioni imposte.

In questo contesto la Polizia di Stato ha rimodulato i propri servizi al fine di contrastare il diffondersi dell’epidemia, predisponendo apposite pattuglie con il fine di assicurare il rispetto delle misure di contenimento previste, garantendo, in ogni caso, le ordinarie attività di controllo del territorio, polizia di prevenzione e tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, polizia giudiziaria e di polizia amministrativa sociale e dell’immigrazione.

Dall’analisi dei dati raccolti dalla Questura, si è potuto verificare come le precitate misure limitative abbiano influito sull’andamento della delittuosità in generale nell’anno in questione rispetto al 2019, infatti, alla significativa diminuzione del trend della delittuosità sul territorio nazionale nel periodo del cosiddetto lockdown, ha fatto seguito, a partire dal mese di maggio, fase di allentamento dei provvedimenti restrittivi, un nuovo incremento.

Nell’anno della pandemia, nonostante le restrizioni alla libertà della circolazione, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, sono stati effettuati dalla Polizia di Stato di Oristano (U.P.G.S.P. e R.P.C.S.) 2838 posti di controllo; identificate 31356 persone e controllati 17672 veicoli; inoltre, la Sala Operativa della Questura ha ricevuto 13.909 chiamate al “113”, molte delle quali per avere delucidazioni sull’ambito applicativo dei vari D.P.C.M. succedutisi nel tempo. Nell’ambito di tale attività sono state deferite in stato di libertà 54 persone, 5 delle quali tratte in arresto.

 Per quanto riguarda la circolazione stradale, la Sezione della Polizia Stradale di Oristano ha rilevato 2957 infrazioni al Codice della Stradale, denunciato 76 persone per guida in stato di ebbrezza alcoolica, 5 per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti; la stessa, inoltre, ha rilevato 98 incidenti dei quali 3 mortali.

Anche l’attività della Squadra Mobile, nonostante le importanti restrizioni dovute alla pandemia, ha portato all’esecuzione di 39 misure cautelari e pre-cautelari (lo scorso anno erano state 57), e alla denuncia all’A.G. di 95 persone 6 delle quali minorenni (contro le 122 del 2019).

Il 2020 è stato anche l’anno del c.d. “Codice Rosso”, entrato in vigore il 9 agosto 2019 con la legge 19 luglio 2019, n.69, che ha introdotto nuovi reati e ha perfezionato i meccanismi di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere. Nonostante l’emergenza epidemiologica in atto, nella provincia di Oristano si è rilevato che le denunce per i reati di atti persecutori (19 nel 2019 a fronte dei 17 del 2020) e maltrattamenti contro familiari e conviventi (36 nel 2019 a fronte degli 29 del 2020) hanno registrato una debole contrazione; sono aumentate sensibilmente, invece, le denunce per i reati di violenza sessuale, passate da 3 nel 2019 a 6 nel 2020.

Il 2020 è stato un anno particolare anche per quanto riguarda le manifestazioni e i conseguenti servizi di Ordine e Sicurezza Pubblica che, salvo un leggero incremento nel periodo estivo, coincidente con la fase di allentamento dei provvedimenti restrittivi, sono stati oggetto di un sensibile ridimensionamento, con un totale di 440 servizi e 1015 pattuglie impiegate per i servizi anti-covid; sono state, invece, 150 le sanzioni irrogate per violazione delle misure di contenimento del contagio.

L’attività della polizia di prevenzione svolta dalla D.I.G.O.S. ha portato all’identificazione di 864 persone e alla denuncia di 38 soggetti indagati in stato di libertà; la Divisione della Polizia Anticrimine, invece, ha emesso 8 fogli di via obbligatori, 46 Avvisi Orali, 18 Ammonimenti (contro i 31 del 2019) e 656 controlli ai liberi vigilati.

Nonostante la chiusura di molti uffici della Questura durante il periodo del c.d. lockdown, anche l’attività amministrativa, seppur con una rimodulazione delle modalità e degli orari di accesso del pubblico, ha proseguito inesorabilmente, sono infatti 210 le licenze rilasciate, 395 i permessi di soggiorno, 17 le richieste di protezione internazionale trattate, 24 le espulsioni e 20 gli ordini del Questore di abbandonare il territorio Nazionale. Importante è stata anche il servizio svolto dalla Squadra Amministrativa, particolarmente impegnata in quest’ultimo anno segnato dall’emergenza sanitaria, questa, infatti, ha controllato 28 esercizi, commerciali sanzionandone 10, e 206 persone delle quali 22 sanzionate e 1 denunciata alla A.G.

Infine, preme ricordare l’attività svolta dalle specialità della Polizia di Stato in provincia, nello specifico, la Polizia Postale ha ricevuto 99 denunce/querele per reati informatici di vario genere, deferendo alla competente A.G. 59 persone; la Polizia Ferroviaria, invece, nel corso dell’ultimo anno ha identificato 7.752 persone e controllato 256 veicoli, deferendo 2 persone all’A.G. e segnalandone 4 all’Autorità Amministrativa.

I dati sopracitati sono la riprova del grande sforzo e dell’impegno degli operatori della Polizia di Stato di Oristano che, in uno degli anni più difficili della storia della Repubblica, hanno continuato, nonostante l’elevato rischio di contagio e la difficoltà di dover gestire con sensibilità, umanità e buon senso situazioni complesse, a svolgere il proprio servizio con la massima abnegazione, rappresentando sempre, a suffragio del motto della Polizia di Stato “Esserci Sempre”, un punto di riferimento importante per il cittadino, spesso chiamato ad interpretare le difficili norme che si sono succedute numerose nell’ultimo anno.

A tal proposito, il Questore Giusy Stellino ringrazia il Prefetto di Oristano Gennaro Capo, autorevole punto di riferimento istituzionale, per il sapiente coordinamento nella gestione delle diverse fasi emergenziali e tutto il personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza per lo spirito di collaborazione e l’impegno profuso nell’ultimo anno.

Il Questore e tutti gli uomini e donne della Polizia di Stato di Oristano, inoltre, ringraziano sentitamente i medici, gli infermieri e i sanitari impegnati nella gestione dell’emergenza epidemiologica ancora in atto, esprimendo, in particolare, un pensiero di vicinanza alle famiglie che a causa del Covid-19 hanno perso i propri cari.


01/01/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

08/05/2021 09:17:16