Questura di Napoli

  • Via Medina n. 75 - 80133 NAPOLI ( Dove siamo)
  • telefono: 0817941111
  • email: urp.quest.na@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Abbigliamento casual,scarpe firmate e arma in pugno,rapina una sala giochi

Tenta di fuggire in pigiama. 18enne bloccato dalla Polizia di Stato

Ha solo 18 anni, ma è il figlio di un pluripregiudicato, attualmente detenuto per reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, uno dei due giovani che, la sera del 30 gennaio scorso, armi in pugno, rapinarono l'incasso di una sala scommesse nel centro di Pozzuoli.

S. D. C., infatti, è stato sottoposto a fermo di P.G. dagli agenti del Commissariato di P.S. "Pozzuoli", al termine di articolate indagini.

I giovani, benché travisati, non si erano accorti che il sistema di videosorveglianza, installato nella sala giochi, stava riprendendo tutte le fasi della rapina.

Le indagini della Polizia sono partite proprio da lì.

Analizzando i vari fotogrammi, i poliziotti sono riusciti a ricostruire l'identikit del 18enne che, impugnando una pistola, aveva minacciato i presenti, mentre il complice brandiva un coltello.

Ben chiare anche le immagini in cui ritraggono l'abbigliamento indossato.

I poliziotti, nella tarda mattinata di ieri, hanno effettuato una perquisizione presso l'abitazione del giovane, ove lo hanno trovato da solo in casa.

Inutile il tentativo del 18enne di condurre gli agenti nella cameretta della sorella, volendo far credere che fosse la sua.

Quando i poliziotti sono entrati nella sua camera, il giovane ha assunto un comportamento piuttosto irrequieto tanto che, al ritrovamento di una felpa a strisce e di un giubbotto di colore scuro con cuciture trasversali, uguale all'abbigliamento indossato da uno dei rapinatori della sala giochi, il 18enne, benché ancora in pigiama, ha tentato di fuggire per le scale del palazzo.

Bloccato dagli agenti è stato condotto in Commissariato, ove ha confessato d'essere uno degli autori della rapina.

Anche le scarpe, firmate da una nota griffe dell'alta moda, indossate dal giovane rapinatore, sono state rinvenute e sequestrate in una scarpiera in casa di D. C..

Il giovane è stato condotto dagli agenti al Carcere di Poggioreale.

Sono in corso, da parte della Polizia, ulteriori indagini al fine di accertare se il giovane ed il suo complice, si siano resi responsabili di altre rapine.


07/02/2015

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

19/10/2019 20:26:28