Questura di Monza e della Brianza

  • via Montevecchia n° 18 - 20900 MONZA ( Dove siamo)
  • telefono: 039/24101
  • email: Consultare "Orari e Uffici"

LA POLIZIA DI STATO ESEGUE L’ACCOMPAGNAMENTO AI CPR DI MILANO E BARI DI DUE CITTADINI EXTRACOMUNITARI IRREGOLARI CON PRECEDENTI PER SPACCIO DI SOSTANZA STUPEFACENTE, REATI CONTRO IL PATRIMONIO E VIOLENZA SESSUALE

CONDIVIDI
accompagnamento

Nella giornata dell’8 febbraio sono stati eseguiti due accompagnamenti di cittadini extracomunitari irregolari sul territorio nazionale presso i CPR di Milano e Bari. Il primo, un cittadino marocchino nato nel 1970 , era stato più volte fotosegnalato fornendo diversi alias. Nella serata del 7 febbraio è stato fermato da personale dagli agenti della Polizia di Stato della Squadra Volante della Questura a seguito di una lite in appartamento verosimilmente per questioni di droga. Dai rilievi fotodattiloscopici, emergeva che l’uomo, in Italia dal 2004, era gravato da numerosi precedenti penali e condanne. Infatti, è stato condannato nel 2010 a due mesi di reclusione per furto, nel 2011 a tre anni per rapina, nel 2015 a 2 anni e 10 mesi per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e maltrattamenti in famiglia ai danni della compagna, nel 2019 a 3 anni e 8 mesi per violenza sessuale, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Scarcerato nel 2022, il Tribunale di Sorveglianza di Cremona ne ha disposto l’espulsione dal territorio dello Stato come misura di sicurezza. Accompagnato a dicembre 2022 presso il CPR di Roma, è stato dimesso per mancata convalida della proroga nel mese di marzo 2023. Oggi è stato nuovamente trattenuto presso il CPR di Milano in attesa della sua identificazione volta al definitivo rimpatrio. Il secondo straniero accompagnato al CPR di Bari, a seguito della dimissione dal carcere di Monza, è un cittadino nato in Egitto nel 1989, anch’egli fotosegnalato con diversi nominativi. Nel 2006 è stato denunciato per ingresso irregolare sul territorio e per false attestazioni, essendosi falsamente dichiarato minorenne, sebbene dagli esami clinici sia poi risultato maggiorente. Si è reso responsabile anche di furto aggravato e ricettazione ed è stato più volte arrestato per spaccio di stupefacenti, nel 2007 è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G.. Nel 2011 il Questore gli ha rigettato l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per i reati commessi. Nel 2013, dopo aver scontato una pena di 8 mesi di reclusione, è stato espulso dal territorio nazionale. Nel mese di marzo del 2023, dopo aver scontato il periodo previsto per il divieto di reingresso, è rientrato in Italia, sbarcando a Pozzallo e fornendo un nominativo diverso, e qui è stato arrestato in ottemperanza a un ordine di esecuzione pena emesso dal Tribunale di Monza. Successivamente sottoposto all’affidamento in prova, la misura gli è stata revocata ed è stato associato alla Casa Circondariale di Monza, dalla quale è stato scarcerato l’8 febbraio e nella stessa giornata è stato accompagnato presso il CPR di Bari, dove verrà trattenuto per il tempo necessario all’identificazione ed al suo definitivo rimpatrio nel paese di origine.


09/02/2024

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

25/05/2024 04:31:00