Questura di Monza e della Brianza

  • via Montevecchia n° 18 - 20900 MONZA ( Dove siamo)
  • telefono: 039/24101
  • email: Consultare "Orari e Uffici"

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA 49ENNE PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA: AGGREDISCE PADRE ULTRA 80ENNE IN CASA CON CALCI, PUGNI E COLPI DI APPENDIABITI PROVOCANDOGLI TRAUMA CRANICO E ROTTURA COSTOLA.

CONDIVIDI
macchina polizia

Nell’ambito dei dispositivi di vigilanza e controllo del territorio disimpegnati dalle pattuglie della Questura di Monza e della Brianza, un equipaggio dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico - Squadra Volanti, nella mattina di venerdì 20 ottobre, verso le ore 10,00 veniva inviata dalla Centrale Operativa della Questura presso un’abitazione in via Galileo Galilei, per la segnalazione di una violenta aggressione ai danni di un anziano signore da parte del figlio convivente con i genitori. I poliziotti giunti nell’abitazione provvedevano a bloccare l’aggressore, figlio della vittima, ed a soccorrere l’anziano signore spaventato, dolorante e in evidente stato di agitazione, il quale presentava una tumefazione al volto con fuoriuscita di sangue dalle orecchie e che lamentava un forte dolore al costato. L’aggressore, identificato per un cittadino italiano di 49anni residente a Monza, proferiva insulti e accuse nei confronti del padre, attribuendogli la responsabilità di essere la causa di tutte le sue recenti disfatte. Trasportato all’ospedale San Gerardo, e dopo le cure mediche necessarie all’anziano venivano riscontrati un trauma cranico e la frattura della decima costola di destra con una prognosi iniziale di 25 giorni salvo complicazioni. Gli Agenti riscontravano altresì che solo negli ultimi 15 giorni, l’83enne aveva subito altri maltrattamenti, mai denunciati per non voler peggiorare la già delicata situazione del figlio. La violenta aggressione e le percosse ricevute il venerdì mattina, quando il padre rifugiatosi sul letto e rannicchiatosi, per alcuni minuti veniva colpito con calci, pugni ed un appendiabito, ma soprattutto la paura che la rabbia di quel giorno del figlio avrebbe potuto portare a conseguenze peggiori, avevano così convinto la vittima a chiedere aiuto ed a raccontare ai poliziotti le continue vessazioni subite, sia fisiche che psicologiche, fatti avvenuti anche alla presenza dell’anziana madre. A riscontro delle violenze, gli agenti in sede di sopralluogo rinvenivano e sequestravano un bastone appendiabito, ricurvo ed imbrattato di sangue su una estremità, usato dal figlio per picchiare il padre, così come venivano individuate numerose scie di sangue all’interno dell’abitazione. In relazione ai gravi fatti avvenuti nella mattinata di venerdì 20 ottobre, l’aggressore veniva tratto in arresto dagli Agenti delle Volanti sussistendo la flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia aggravato e posto a disposizione della Procura della Repubblica di Monza in attesa del giudizio per direttissima. All’esito del giudizio il giudice ha convalidato l’arresto ed ha disposto la misura restrittiva degli arresti domiciliari con l’applicazione del dispositivo di controllo del braccialetto elettronico.


23/10/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

25/05/2024 04:10:09