Questura di Monza e della Brianza

  • via Montevecchia n° 18 - 20900 MONZA ( Dove siamo)
  • telefono: 039/24101
  • email: Consultare "Orari e Uffici"

STALKING AI DANNI DELLA EX ARRESTATO IN FLAGRANZA UN CITTADINO ITALIANO DI ANNI 30 RESIDENTE IN PROVINCIA DI MILANO .

CONDIVIDI
Squadra Volanti

Nella mattinata di venerdì 15 settembre, personale della Polizia di Stato della Questura di Monza e della Brianza ha tratto in arresto in centro città un cittadino italiano di anni 30  per una serie di condotte e atti persecutori nei confronti della sua ex fidanzata, una giovane anch’ ella 30enne residente nella provincia di Monza.

L’uomo era già gravato da aprile scorso da un provvedimento d’ammonimento emesso dal Questore di Monza e della Brianza, Marco Odorisio, perché, nonostante l’espressa volontà della giovane di interrompere qualsiasi di tipo rapporto dopo la loro breve relazione avuta nel mese di giugno del 2022, aveva iniziato a importunarla con continui messaggi e telefonate, anche anonime, ed alcune volte a cercarla sul posto di lavoro.

Nonostante il provvedimento di ammonimento, l’uomo aveva continuato a molestarla cercando di approcciarla attraverso la sorella della vittima, visto che la ragazza non rispondeva né ai messaggi né alle telefonate.

Pertanto la vittima aveva sporto querela nei confronti dell’uomo presso l’ufficio denunce della Questura di Monza e della Brianza, con l’immediata attivazione della procedura c.d. “Codice rosso” , anche perché si era accorta , in alcune occasioni, che l’uomo la seguiva  con l’auto quando  prendeva il bus per andare al lavoro, fino a recarsi più volte, soprattutto negli ultimi giorni nei pressi del luogo di lavoro della  stessa, cercando un approccio che la ragazza ha sempre cercato di evitare.

Recentemente l’uomo aveva contattato telefonicamente la sorella della donna chiedendole di fissare un incontro con la ex perché - come da sue testuali parole – avrebbero dovuto parlarle  “altrimenti mica poteva sposarla a distanza…”.

Tali condotte, continue e costanti nel tempo,  hanno ingenerato nella donna  un pressante  stato d’ansia e timore per la sua incolumità, accentuatosi negli ultimi giorni  per la continua presenza dell’uomo  nei pressi di un bar  poco lontano dal posto di lavoro.

La donna, nella mattinata odierna, appena scesa alla fermata cittadina di un bus di linea , ha visto l’uomo a bordo della sua auto sulla quale aveva “ affisso” su entrambi i lati dell’auto due pezzi di lenzuolo bianco con scritto “ Monica ( il nome è di fantasia )sei la piu bella e ….”

Immediato l’intervento del personale della Squadra Mobile della Questura di Monza e della Brianza che aveva predisposto idonei servizi a tutela della ragazza, che ha prontamente bloccato l’uomo sul marciapiede poco lontano.

Da un controllo dell’auto, nel portaoggetti anteriore lato guida sono stati rinvenuti tre cacciaviti, posti sotto sequestro unitamente al tessuto  “affisso”  sull’auto.

Stante la flagranza del reato di atti persecutori, l’uomo è stato tratto in arresto e posto a disposizione della  Procura della Repubblica di Monza  per essere processato per direttissima.

All’esito del processo  è stato sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora in Monza e del divieto d’avvicinamento alla vittima.


17/09/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

25/05/2024 04:01:26