Questura di Monza e della Brianza

  • via Montevecchia n° 18 - 20900 MONZA ( Dove siamo)
  • telefono: 039/24101
  • email: Consultare "Orari e Uffici"

La Polizia di Stato arresta il 30enne destinatario del provvedimento del braccialetto elettronico d'urgenza.

CONDIVIDI
centrale operativa

È stato arrestato, nella giornata del 24 dicembre, il 30enne che lo scorso 12 dicembre è stato il primo destinatario della misura di prevenzione del braccialetto elettronico d’urgenza, previsto dalla recente norma l. 168 del 24 novembre 2023 introdotta per contrastare la violenza sulle donne e quella domestica.  

L’uomo, con divieto di avvicinamento alla vittima e ai luoghi da essa frequentati con le modalita’ di controllo del braccialetto elettronico, nella notte tra il 23 e il 24 dicembre, si è recato presso un bar abitualmente frequentato dalla vittima sito a Milano e dove in quel momento si trovava la sorella di quest’ultima. Dopo aver fatto abuso di alcolici, in un impeto di rabbia, ha scaraventato in terra il braccialetto elettronico pregiudicandone il corretto funzionamento per poi allontanarsi dal locale a bordo di un taxi. 

Gli operatori della Polizia di Stato in servizio presso la Sala Operativa della Questura di Monza e della Brianza hanno riscontrato delle anomalie nel funzionamento del braccialetto, dando così inizio ad una serie di accertamenti, svolti in collaborazione con i poliziotti del vicino Commissariato della Polizia di Stato di Cinisello Balsamo, i quali hanno eseguito l’arresto dell’uomo presso la sua abitazione, procedendo all’arresto fuori flagranza, introdotto dalla nuova norma del novembre 2023, c.d. Legge Roccella, per i casi di violazione della misura disposta con urgenza del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima di stalking con le modalita’ di controllo del braccialetto elettronico, reato per il quale e’ prevista la pena della reclusione da uno a cinque anni.  

Accertato il malfunzionamento del braccialetto e ascoltate le testimonianze riguardo l’accaduto della notte, tenuto conto altresì della pericolosità del soggetto in considerazione delle pregresse condotte persecutorie tenute, il 30enne è stato arrestato per la violazione delle prescrizioni a lui imposte dal decreto emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Milano, Sezione Misure di Prevenzione. Il Tribunale di Monza il 27 dicembre 2023 dopo la convalida dell’arresto richiesto dalla Procura di Minza ha disposto la misura cautelare in carcere. 

Il 30enne si trova al momento presso la Casa Circondariale di Monza in attesa dell’udienza, fissata per l’inizio di gennaio per l’applicazione della misura di prevenzione della  sorveglianza speciale.


28/12/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

25/05/2024 04:32:21