Questura di Monza e della Brianza

  • via Montevecchia n° 18 - 20900 MONZA ( Dove siamo)
  • telefono: 039/24101
  • email: Consultare "Orari e Uffici"

La polizia di Stato arresta 28enne cittadino marocchino per resistenza, violenza a Pubblico Ufficiale, appena scarcerato.

CONDIVIDI
AUTO POLIZIA

Irregolare sul territorio nazionale, dopo aver scontato 7 anni di carcere per due condanne spaccio stupefacenti, aggradisce i poliziotti in questura tentando di scappare per sottrarsi a misura collocamento in CPR per rimpatrio

Alle ore 15.30 di lunedì, 7 agosto, un 28enne di origine marocchina, dopo essere stato dimesso dal carcere di Monza a seguito della scarcerazione anticipata avendo espiato la pena della reclusione di sette anni e quattro mesi di reclusione, per i numerosi reati in materia di stupefacenti, veniva accompagnato presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Monza al fine di procedere al suo trattenimento e collocamento presso il CPR Potenza, ove sarebbe stato accompagnato dagli agenti il mattino seguente per il definitivo allontanamento dal territorio nazionale

Infatti i poliziotti potevano riscontrare come il cittadino marocchino, sbarcato irregolarmente sulle coste pugliesi nel mese di luglio 2015, da subito si dedicava alla commissione di reati di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel 2017 veniva condannato alla pena di anni 4 di reclusione, sentenza confermata anche in appello, per spaccio di sostanze stupefacenti, scontando la pena fino al mese di maggio 2020.

Successivamente alla sua scarcerazione veniva emesso nei suoi confronti un provvedimento di espulsione da parte del Prefetto di Nuoro eseguito con l’ordine del Questore di Nuoro a lasciare il territorio nazionale entro sette giorni. Il giovane marocchino, invece di eseguire l’ordine del Questore ed abbandonare il territorio nazionale tornava nuovamente a spacciare all’interno della zona boschiva del parco delle Groane a ridosso della SP 527 nel comune di Solaro; lo straniero  aveva adibito all’interno della boscaglia una vera e propria piazzola di spaccio ; venivano rinvenuti rotoli di sacchetti di plastica trasparente, bilancini di precisione, più di mille euro in contante in diversi tagli unitamente a diversa sostanza stupefacente  precisamente 148 grammi di eroina, 3,93 grammi di cocaina , 52, 89 grammi di hashish avvolti già in bustine di cellophane , 4 telefoni cellulari. A seguito dell’arresto da parte dei Carabinieri di Solaro veniva condannato alla pena di anni 3 e mesi 4 di reclusione con l’interdizione dai pubblici uffici.

 

Scarcerato nella giornata di lunedì 7 agosto,  dopo aver scontato la condanna per quest’ultimo reato, in considerazione della sua irregolarità sul territorio e dei gravi reati commessi in materia di spaccio di stupefacenti,  il Questore della provincia di Monza e della Brianza Marco Odorisio disponeva l’accompagnamento e il collocamento dello straniero presso il CPR di Potenza Palazzo San Gervasio  ove lo stesso sarebbe stato trattenuto per il tempo strettamente necessario al definitivo allontanamento dal territorio nazionale, grazie al posto messo a disposizione dalla Direzione Centrale per l’Immigrazione.

 

Verso le ore 19:30 il 28enne marocchino, durante le fasi finali di notifica del provvedimento di accompagnamento presso il Centro di permanenza per il rimpatrio di Potenza, una volta compreso che sarebbe stato tradotto il giorno successivo presso un centro specializzato ai fini del rimpatrio, iniziava a mostrare palesi segni di insofferenza e agitazione, iniziando a urlare e a riferire ripetutamente che non avrebbe in nessun modo consentito il rimpatrio in Marocco, anche a costo di commette atti e violenze tali da farlo ritornare immediatamente in carcere. Al fine dunque di evitare in ogni modo il ripatrio, il soggetto tentava di ingerire un anello che portava al dito della mano destra, venendo fermato dai poliziotti che prontamente rimuovevano l’oggetto dalle sue mani.

 

 

Per la sicurezza dei poliziotti presenti negli uffici e per garantire la stessa incolumità del soggetto, il giovane veniva fatto accomodare all’interno della saletta dei fermati, così da precludere atti inconsulti o autolesionisti.

In un primo momento l’uomo sembrava calmarsi ma all’improvviso dava in escandescenza impedendo l’accesso agli agenti nella stanza,  tenendo chiusa la porta e tirando pugni in direzione dei poliziotti, tentando di dar fuoco al materassino in gomma piuma ivi presente, ma senza esito.

Una volta entrati per porre in sicurezza il soggetto e per evitare nuovi atti pericolosi, l’uomo si scagliava violentemente verso gli operatori di polizia sferrando diversi pugni e calci, nonché colpendo chiunque gli capitasse a tiro.

Attesa, dunque, l’incontenibilità e la pericolosità del giovane, gli agenti utilizzavano lo spray capsicum in dotazione alle Forze dell’Ordine per cercare di rendere inerme l’uomo, ormai diventato violento, furente, aggressivo e sempre più disposto a commettere atti violenti per raggiungere il suo obiettivo. Lo spray, tuttavia, non sortiva alcun effetto sull’uomo che, anzi, preso da maggior foga e rabbia, dopo aver nuovamente spinto gli operanti intervenuti, si liberava dalla presa e, aperta una finestra presente nella sala, usciva all’esterno dei locali dopo aver colpito con un calcio i poliziotti, i quali avevano cercato di trattenerlo.

Dopo aver percorso alcuni metri all’interno del perimetro della Questura, l’uomo veniva raggiunto e fermato. Per contenere la sua rabbia, il 28enne veniva immobilizzato da sei operatori della Questura, sebbene lo stesso, pur fermato, continuasse imperterrito ad agitarsi, a gridare, a muoversi e a scalciare furiosamente, cercando nuovamente darsi alla fuga.   

Una volta posto in sicurezza, veniva fatto accomodare all’interno di una Volante e lì nuovamente tentava di colpire gli agenti con calci e spunti, gridando minacce di morte contro i poliziotti, apostrofandoli in maniera scurrile, aggiungendo che non si sarebbe mai fatto collocare in un CPR, diversamente avrebbe preferito il carcere oppure morire.

Attesa la flagranza del reato e la gravità della condotta, il giovane veniva tratto in arresto per i reati di danneggiamento e di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, ed associato presso il carcere di Monza San Quirico, a disposizione della Procura della Repubblica di Monza per il giudizio direttissimo davanti al Tribunale di Monza fissato per la mattinata di martedì 8 agosto.

All’esito dell’udienza il giudice lo condannava ad anni 1 mesi 6 di reclusione concedendo il nulla osta all’espulsione.

Pertanto, grazie ad un altro posto messo a messo a disposizione dalla Direzione Centrale per l’Immigrazione presso il CPR di Milano, il Questore della provincia di Monza e della Brianza, Marco Odorisio, disponeva l’accompagnamento e il collocamento dello straniero presso il predetto CPR, ove lo stesso nel pomeriggio di martedì 8 agosto è stato accompagnato e collocato dai poliziotti, e sarà trattenuto per il tempo strettamente necessario al definitivo allontanamento dal territorio nazionale.


09/08/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

04/03/2024 22:10:56