Questura di Modena

  • Via Giovanni Palatucci, 15 - 41122 MODENA ( Dove siamo)
  • telefono: 059/410411
  • email: dipps148.00F0@pecps.poliziadistato.it

Polizia di Stato: Francesco Vecchione “L’uomo di Stato che salvò gli ebrei modenesi”

CONDIVIDI
Francesco Vecchione

In occasione delle iniziative promosse dal Comune di Modena per la Giornata della Memoria, giovedì 26 gennaio scorso, nella seduta del Consiglio Comunale di Modena è stata conferita la cittadinanza onoraria postuma a Francesco Vecchione, Funzionario di Polizia in servizio alla Questura di Modena tra il 1936 e il 1948, il quale salvò la vita a molti ebrei modenesi nel periodo del suo mandato in questa provincia.

Per l’eccezionale contributo dato, in qualità di Capo di Gabinetto della Questura di Modena, alla lotta contro l’odio razziale, la violenza e la sopraffazione durante l’occupazione nazifascista, in uno dei momenti più drammatici della storia del nostro Paese e dell’Europa. Per l’alto valore civile, sociale e culturale della sua storia, della sua testimonianza e del suo impegno, pienamente rappresentativi degli ideali di libertà, uguaglianza, giustizia e solidarietà sui quali si fonda la comunità della Città di Modena”, queste le parole con le quali il Consiglio Comunale ha inteso conferire la cittadinanza onoraria a Vecchione.

Nel corso della seduta del Consiglio Comunale ha preso la parola anche la dott.ssa Giulia Dodi, collaboratrice dell’Istituto Storico di Modena che, insieme al dott. Carmine Piscetelli, ha curato il libro “FRANCESCO VECCHIONE, LA NORMALITA’ E IL CORAGGIO. L’uomo di Stato che salvò gli ebrei modenesi 1943-1944”, edito da InfinitiMondi, la cui presentazione ufficiale è avvenuta nel pomeriggio presso la Galleria Europa a Modena.

Presenti alla cerimonia il figlio Alberto, il Questore di Modena, Silvia Burdese, e una rappresentanza della Polizia di Stato, oltre alle autorità cittadine ed al Sindaco di San Paolo Belsito.

Vecchione è nato il 21 febbraio 1904 a San Paolo Belsito, in provincia di Napoli, ed è morto a Roma il 20 aprile 1992. Dopo aver prestato servizio tra il 1930 e il 1936 ad Agrigento e a Roma, viene trasferito a Modena nel 1936 dove svolgerà anche l’incarico di Capo di Gabinetto. Dopo l'8 settembre 1943, a seguito dell'occupazione nazista dell'Italia e della nascita della Repubblica sociale italiana, venne allontanato perché sospettato di antifascismo, accusato di avere dimostrato sentimenti ostili alla Repubblica sociale. Corse il rischio di essere deportato e denunciato al Tribunale Straordinario. Agevolò la fuga, durante l'occupazione tedesca, di numerosi esponenti della comunità ebraica, residenti a Modena, evitando così il loro arresto e la deportazione nei campi di sterminio. La comunità ebraica di Modena e Reggio Emilia ha avviato la pratica per il suo riconoscimento quale “Giusto tra le Nazioni”.

Nella mattinata del 27 gennaio, il dott. Alberto Vecchione, figlio di Francesco, unitamente ai familiari è stato ricevuto dal Questore e dai Funzionari per una visita alla Questura. Nella circostanza gli è stato presentato il Vice Questore Michele Morra, attuale Capo di Gabinetto, stesso ruolo rivestito dal Vice Questore Francesco Vecchione negli anni ’40 allorquando gli uffici avevano sede in via Saragozza.  La visita è terminata con un momento di raccoglimento dinanzi alla stele dedicata a Giovanni Palatucci nel piazzale antistante la Questura.


30/01/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

 Operazione "Aurum"

Controlla gli oggetti rinvenuti dalla Questura di Bologna.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

29/11/2023 06:41:44