Questura di Modena

  • Via Giovanni Palatucci, 15 - 41122 MODENA ( Dove siamo)
  • telefono: 059/410411
  • email: gab.quest.mo@pecps.poliziadistato.it

Due donne rubano in casa il portafoglio ad un’anziana signora: lei se ne accorge, allerta la Polizia di Stato, che le rintraccia subito e le denuncia in stato di libertà

CONDIVIDI
Squadra Volante

La Squadra Volante ha denunciato due donne di 32 e 42 anni per il reato di furto in abitazione in concorso.

Nel pomeriggio di domenica 26 giugno scorso, la Volante è intervenuta in zona Buon Pastore a seguito di segnalazione da parte di una signora 80enne che aveva riferito di aver appena subito un furto da parte di due donne, le quali avevano fatto accesso alla sua abitazione con un pretesto e, approfittando di un suo momento di distrazione, le avevano sottratto il portafoglio.

Gli agenti si sono immediatamente portati in zona e, grazie alla precisa descrizione fornita dalla vittima, hanno individuato a breve distanza dall’abitazione le due donne, una delle quali già note a questi Uffici per reati contro il patrimonio, truffe e furti con destrezza.

Le stesse spontaneamente hanno consegnato il denaro in loro possesso d’importo pari alla somma contenuta nel portafoglio come indicato dall’anziana signora. Del portafoglio si erano già liberate.

Il modus operandi utilizzato dalle due autrici per carpire la fiducia della vittima, è consistito nel presentarsi quali persone conosciute per la strada tempo addietro, prima del Covid, con le quali aveva scambiato delle chiacchiere, e che in quel momento avevano necessità di rifocillarsi e bere dell’acqua. Una volta in casa, facendo leva sulla sensibilità della vittima, una delle donne ha chiesto dei soldi per poter comprare una merendina al figlio ricoverato in ospedale. L’80enne, dopo aver consegnato una banconota da 5 euro, ha riposto su un mobile il portafoglio, che gli è stato poi abilmente sottratto.

È partita proprio in questi giorni una campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani - con #truffeanziani - promossa dalla Polizia di Stato sui principali social network, che illustra attraverso spot le truffe più ricorrenti.

Nel periodo estivo il pericolo delle truffe è maggiore a causa del parziale svuotamento delle città. Le persone della terza età o comunque quelle che vivono sole sono sicuramente più a rischio. La Polizia di Stato è sempre presente e quando si hanno dubbi sulle persone che si incontrano o che vogliono entrare in casa è bene telefonare al 113 o al Numero unico di emergenza 112, proprio come ha fatto l’anziana signora, mettendo gli agenti nelle condizioni di intervenire subito.

Se qualcuno resta vittima di una truffa o di un furto è importante denunciare l’accaduto perché così si dà la possibilità alle Forze dell’ordine di svolgere indagini ed evitare che altri subiscano il medesimo raggiro.

Il principale consiglio rimane quello di non aprire la porta a sconosciuti, anche se si sono già accreditati via telefono e via citofono, accampando varie scuse, tra cui: la conoscenza di persone in comune, l’essere un parente lontano, un appartenente alle forze di polizia, legale o un assicuratore che deve recuperare dei soldi urgentemente da portare in ospedale ad un fantomatico parente coinvolto in un sinistro stradale. L’approccio di solito è molto garbato e le persone, siano essi uomini o donne, vestiti bene per non dare sospetto.

L’invito è a rivolgersi sempre e subito con fiducia alle Forze di polizia per segnalare atteggiamenti sospetti e/o per denunciare situazioni di pericolo che possono riguardare sé od i propri vicini.

Nel dubbio #chiamatecisempre


28/06/2022

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/08/2022 13:40:37