Questura di Milano

  • Via Fatebenefratelli, 11 - 20121 MILANO ( Dove siamo)
  • telefono: 0262261
  • email: urp.quest.mi@pecps.poliziadistato.it
  • facebook
  • twitter

Milano, la Polizia di Stato arresta i rapinatori di negozi con il sacchetto bianco

CONDIVIDI
.

La Polizia di Stato martedì scorso a Milano ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalla Sezione Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Milano dr.ssa Sara Cipolla, nei confronti di due milanesi di 37 e 39 anni, entrambi con precedenti di polizia, ritenuti responsabili di undici rapine a farmacie e altri esercizi commerciali del capoluogo, nonché di ricettazione in concorso di un ciclomotore provento di furto ed utilizzato per portarle a termine.

L’attività investigativa condotta dai poliziotti del Commissariato Mecenate ha preso il via dai dati elaborati dall’Ufficio Analisi Criminale della Divisione Anticrimine della Questura con riferimento alla georeferenziazione di numerose rapine a farmacie, supermercati e Compro-Oro, tutte compiute in estate da più soggetti con modalità similari. Protagonista indiscusso di tutti gli episodi è il 39enne M.G. che risulta aver consumato le rapine con due diversi complici: il 37enne M.D., nei cui confronti è stata eseguita l’ordinanza di custodia cautelare, e una seconda persona sulla quale sono in corso approfondimenti investigativi.

Dallo studio del modus operandi, i poliziotti di via Quintiliano hanno estrapolato la serialità denominata “sacchetto bianco” che evidenzia un metodo consolidato utilizzato dai due rapinatori: giungevano in coppia nei pressi dell’obiettivo, con alcuni minuti di anticipo per verificare le condizioni ottimali per compiere il reato, e poi vi accedevano come se fossero clienti, indossando berretti, caschi e la mascherina di protezione individuale; dopo aver intimidito il personale con minacce, esibendo armi da taglio, arraffavano il denaro contenuto nella cassa e lo riponevano in un sacchetto di plastica di colore bianco prima di fuggire a bordo di uno scooter rubato.

Tutte le 11 rapine sono state commesse nel quadrante sud-orientale del capoluogo in una zona compresa tra via Ripamonti e via Lomellina con incursioni nell’hinterland meridionale milanese a significare che i rei, nati e cresciuti nel quartiere Corvetto nel quale hanno mosso i primi passi della loro carriera criminale, di volta in volta hanno consapevolmente individuato gli obiettivi avendo quale baricentro operativo il quartiere di provenienza ove, peraltro, vantano amicizie e relazioni rinsaldate anche dal vincolo familiare.


24/09/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/10/2021 09:01:43