Questura di Milano

  • Via Fatebenefratelli, 11 - 20121 MILANO ( Dove siamo)
  • telefono: 0262261
  • email: urp.quest.mi@pecps.poliziadistato.it
  • facebook
  • twitter

Milano, la Polizia di Stato arresta la “banda dei georgiani” specializzata nei furti in abitazione

CONDIVIDI
.

La Polizia di Stato di Milano, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Milano, nell’ambito di un’attività investigativa svolta nei confronti di un gruppo di cittadini georgiani dediti alla consumazione di furti in appartamento, ha eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto disposto dal PM titolare delle indagini dr. Paolo Storari.

Gli indagati, gravemente indiziati di diversi furti in appartamento consumati e tentati tra agosto e settembre 2021 a Milano e Torino, sono ritenuti responsabili del raid ai danni di 45 box ubicati in zona Lambrate. Gli autori sono stati arrestati dai poliziotti della 2^ Sezione della Squadra Mobile di Milano, con la collaborazione degli omologhi uffici di Roma e Torino. In particolare, due di loro sono stati rintracciati a Torino, dove si erano portati da pochi giorni, un terzo a Roma e il quarto a Milano.

Sempre a Milano è stato arrestato un altro cittadino georgiano, destinatario di un provvedimento cautelare emesso dal G.I.P. presso il tribunale di Torino, in quanto appartenente ad una associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione (associazione da ritenersi una diramazione locale della cd. “mafia georgiana”); a Roma, invece, un sesto georgiano, facente parte della banda, è stato arrestato per essere rientrato nel territorio dello Stato senza le dovute autorizzazioni pur essendo destinatario di un provvedimento di espulsione risalente all’anno 2018.

Grande rilevanza per il buon esito dell’indagine della Polizia di Stato hanno avuto i servizi di pedinamento e controllo degli indagati, l’analisi delle conversazioni telefoniche ed ambientali intercettate sulle utenze e sulle autovetture monitorate ed in uso agli stessi, evidenziando un protocollo operativo ben organizzato, una scelta meticolosa degli appartamenti da derubare, una distribuzione operativa dei compiti tra sodali, una professionalità singolare nell’apertura delle porte d’ingresso con utilizzo di chiavi alterate o grimaldelli.

Il furto all’interno dell’abitazione ritenuta accessibile è stato sempre preceduto da accurati sopralluoghi e dall’apposizione di segni distintivi sulle porte degli appartamenti individuati (filtrino di sigaretta o frammento di bottiglia di plastica), utile per verificare nei giorni successivi che gli stessi siano disabitati, in modo da potervi rubare all’interno senza correre rischi. Nel lasso di tempo intercorso tra l’ingresso nello stabile, la consumazione del furto e la fuga con la refurtiva ad opera di uno o più sodali, altri membri del gruppo hanno svolto la funzione del cd. “palo”, controllando in maniera certosina e costante la presenza delle forze dell’ordine, verificando, una a una, che all’interno delle autovetture in sosta lungo le vie adiacenti non vi fossero potenziali “agenti” appostati, “gli sbirri”.

Nel corso delle perquisizioni, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato numerosi attrezzi per gli assalti alle abitazioni private oltre a monili in oro, argenteria e danaro contante provento di furto.


23/09/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

18/10/2021 10:26:33