Questura di Massa Carrara

  • Via del Patriota n.1 - 54100 MASSA ( Dove siamo)
  • telefono: 0585-4941
  • fax: 0585-494777
  • email: urp.quest.ms@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

Smantellato dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza un ingente traffico di droga a Massa

Conferenza a Massa

Il 28 giugno u.s., personale dell’U.P.G.S.P. della Questura di Massa Carrara, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, tesa al contrasto ed alla repressione dei delitti concernenti gli stupefacenti in questo Comune, effettuava uno specifico monitoraggio in via Aurelia Ovest, in luoghi ove notoriamente avviene lo spaccio di stupefacente, già oggetto di pregressi analoghi servizi.

In questo contesto, alle ore 18.00, un equipaggio del predetto Ufficio, nel transitare in via Aurelia Ovest, notava un uomo consegnare un sacchetto di colore beige a due donne che si trovavano a bordo di una autovettura Renault Megane. L’individuo, dopo aver consegnato il sacchetto sopradescritto, faceva rientro nella sua abitazione, mentre l’auto con a bordo le due donne ripartiva in direzione di Massa.

Insospettiti dalla condotta dei soggetti sopraindicati, gli operatori, con l’ausilio di altra pattuglia automontata, procedevano al fermo del veicolo in questione, all’interno del quale, riposto sul sedile posteriore lato sinistro, veniva immediatamente individuato il sacchetto di colore beige, riconosciuto come quello consegnato, poco prima, dall’uomo.

All’interno del sacchetto in esame, gli Agenti rinvenivano una bustina in nylon contenente sostanza pulvirulenta di colore bianco per un peso di 6,22 grammi, risultata in un secondo momento sostanza da taglio, n. 3 telefoni cellulari marca NOKIA, n. 1 bilancino di precisione funzionante e con residui di sostanze stupefacenti sul piattopeso, materiale per il confezionamento di dosi di stupefacenti, ed in specie vari dischetti in cellophane pretagliati, vari sacchetti sempre di cellophane, elastici metallici del tipo da alimenti per sigillare i sacchetti, n. 1 forbicina in metallo, n. 2 dosi di hashish rispettivamente del peso di 0,93 e 1,14 grammi, n. 3 schede telefoniche intatte (di cui due TIM ed una WIND) e n. 2 schede prive di SIM, rispettivamente una marca TIM ed una WIND, n. 1 scheda del tipo magnetico utilizzabile per la preparazione delle dosi.

Atteso quanto sopra, valutato il contenuto del sacchetto, il personale operante si portava presso l’abitazione, dove aveva visto entrare il soggetto che aveva ceduto il materiale sopraindicato.

All’interno dell’immobile veniva riconosciuto il soggetto, identificato per un cittadino italiano di origini marocchine di 31 anni, incensurato.

Informato dal personale sopraindicato che la sua abitazione sarebbe stata sottoposta a perquisizione, l’uomo consegnava spontaneamente un sacchetto contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, suddivisa in 20 dosi di vario peso e in tre cosiddetti “cristalli” della medesima sostanza, per un peso totale complessivo di 36,00 grammi lordi.

Atteso il rinvenimento della sostanza stupefacente sopraindicata, i Poliziotti decidevano di procedere alla perquisizione domiciliare con l’ausilio di specifiche unità cinofile della Guardia di Finanza del Gruppo Massa Carrara.

La perquisizione, negativa per quanto concerne l’interno dell’abitazione, veniva estesa al veicolo della persona, una FIAT Punto, parcheggiata all’interno del cortile di pertinenza della casa. Quest’ultima attività dava esito positivo: di fatti, all’interno del portabagagli dell’auto, grazie anche al fiuto dei due cani, venivano rinvenuti uno zaino in tela, una busta per la spesa e due sacchetti di carta, tutti contenenti 34 confezioni di sostanze stupefacente del tipo hashish, per un peso totale di 10 kg e 346,75 grammi.

Atteso quanto sopra, valutato il rinvenimento della sostanza stupefacente, considerato il rinvenimento del materiale da taglio e per il confezionamento, il soggetto veniva tratto in arresto per l’ipotesi delittuosa di cui all’art. 73 co.1° e 3° del D.P.R. 309/90, e associato presso la Casa di Reclusione di Massa in attesa dell’udienza di convalida.

La sostanza stupefacente rinvenuta e l’autovettura venivano sottoposte a sequestro penale.

Le due donne, entrambe marocchine, in regola con il soggiorno, una di 27 anni e l’altra di 32 anni, la prima residente a Montignoso, l’altra a Roma, venivano sottoposte a perquisizione.

L’atto permetteva di rinvenire nella disponibilità delle medesime Euro 1.140,00 in banconote di vario taglio, la somma di Euro 150,00 e due schede prepagate. Il danaro e le schede venivano sottoposte a sequestro penale. Mentre entrambe venivano indagate in stato di libertà per il concorso nel reato con l’individuo tratto poco prima in arresto.

Nella giornata del 1 luglio 2019 il GIP presso il Tribunale di Massa ha convalidato l’arresto, applicando la misura cautelare della custodia in carcere, ritenuta essere la sola misura proporzionata all’entità dei fatti e alla pericolosità sociale dell’indagato, idonea ad elidere il rischio di reiterazione delle condotte criminose in esame.

Il Questore di Massa Carrara, Giuseppe Ferrari, nell’esprimere grande soddisfazione per la brillante operazione condotta dagli Agenti della Squadra Volante e sincera gratitudine per la pronta collaborazione offerta dai Militari della Guardia di Finanza, ha evidenziato che quello di venerdì sera è l’ennesimo risultato positivo, conseguito dal rafforzamento delle attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, sviluppate dallo scorso mese di dicembre in Prefettura, in occasione di una riunione del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, in conformità delle direttive impartite dal signor Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza.

Da quel momento, sono stati predisposti mirati servizi che, nel più ampio quadro delle attività di controllo del territorio, sono rivolti a fornire ulteriori stimoli per infrenare l’attività di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto tra i giovani, nelle aree ove è conclamata la pratica di questa fattispecie delittuosa.

In detto ambito, la Polizia di Stato ha intensificato la vigilanza, oltre che presso le scuole e durante la “movida”, anche in alcuni luoghi, quali edifici da tempo abbandonati, come le ex colonie, caratterizzati da situazioni di forte degrado urbano, ovvero nei pressi delle stazioni ferroviarie, delle autostazioni dei bus ed in taluni quartieri, ove i cittadini segnalano la presenza di persone sospette e che suscitano allarme sociale.

All’intenso lavoro svolto, nei primi sei mesi del 2019, sono conseguiti i seguenti riscontri:

persone deferite all’Autorità Amministrativa per la violazione dell’art. 75 DPR 309/90: 69;

persone tratte in arresto per la violazione di cui all’art. 73 DRP 309/90: 12

persone deferite in stato di libertà per la violazione di cui all’art. 73 DRP 309/90: 07;

cocaina sequestrata: gr. 1.322, 56;

marjuana sequestrata: gr. 221,295;

hashish sequestrato: gr. 12.599,09;

eroina sequestrata: gr. 35,894.

Per tali ragioni e secondo una direttiva impartita dal Prefetto di Massa Carrara lo scorso mese di maggio, i servizi di cui trattasi verranno riproposti, almeno fino alla fine del corrente anno.   


04/07/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

22/09/2019 04:09:45