Questura di Macerata

  • Piazza della Libertà, 15 - 62100 MACERATA ( Dove siamo)
  • telefono: 073325411
  • email: urp.quest.mc@pecps.poliziadistato.it

Operazione “scuole sicure”

macerata scuole sicure

Il Questore : " l’indifferenza di questa società è il male peggiore dei nostri tempi. l’ appello: occorre reagire per evitare che la vita dei nostri ragazzi venga avvelenata e distrutta dalle sostanze stupefacenti "

Nell’ambito delle attività di prevenzione e contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti  denominate “Scuole sicure”, disposte dal Sig. Questore di Macerata Antonio PIGNATARO, i poliziotti della Squadra Mobile diretta dalla Dott.ssa ABBATE stanno effettuando servizi straordinari che vengono svolti quotidianamente a “difesa delle giovani generazioni e delle tante famiglie dalle tribolazioni che provano nel vedere i propri ragazzi minorenni destinati a cadere nel tunnel della droga e quindi destinati all’autodistruzione a causa di queste sostanze”.

Questi delicati e complessi servizi che assumono una rilevanza particolare in quanto destinati ai plessi scolastici, vengono effettuati all’esterno degli istituti scolastici e consistono in veri e propri pattugliamenti con l’impiego sia di personale in divisa che personale appiedato in borghese nei luoghi di raccolta dei giovani studenti, sia prima dell’orario d’ingresso  che all’uscita dagli stessi istituti ed anche durante l’intero arco orario delle lezioni al fine di evitare sporadiche irruzioni o consegne da parte di spacciatori ai ragazzini che a loro volta ormai arruolati sono destinati a spacciare per avere le loro dosi gratuite.

Nel corso degli specifici servizi di Polizia Giudiziaria, durante l’uscita dei giovani, gli operatori della squadra mobile hanno notato in alcuni Istituti della provincia degli strani movimenti ad opera di alcuni minorenni. Pertanto, in stretto raccordo con le autorità scolastiche, si sta procedendo con un attento monitoraggio e l’attività di indagine in corso è finalizzata ad accertare se si svolga una vera e propria attività di spaccio all’interno delle scuole.

Significativo appare l’episodio di controllo e sequestro  di droga con segnalazione amministrativa operata dai poliziotti, sempre nell’ambito dell’operazione “Scuole Sicure” durante questa settimana,  nei pressi degli istituti scolastici  in questione quando, durante un controllo, venivano trovati dei minorenni nel tentativo di disfarsi di stupefacente del tipo marijuana, alla vista degli operatori di Polizia che in relazione allo spaccio all’interno ed all’esterno delle scuole già da tempo conducono una intensa attività investigativa per stroncare qualsiasi attività di spaccio diretta a ragazzi minorenni, alle volte addirittura infradodicenni.

Gli interventi operativi in questione, che saranno garantiti anche nel futuro e sempre in maniera più incisiva, potranno dare i massimi risultati conseguibili solo ed esclusivamente con la partecipazione sinergica di tutte le Istituzioni coinvolte nelle attività di prevenzione e chiamate all’unisono “a cui va il plauso da parte del Questore”  per l’impegno profuso fino ad oggi e deve essere considerato un punto di arrivo ma anche un punto di partenza  per aggredire e sconfiggere il preoccupante e dilagante fenomeno dell’uso e spaccio di droghe nelle scuole che vede i nostri giovani sempre con un età più precoce affacciarsi al mondo della droga, come si può rilevare nei reparti di pediatria di ogni Ospedale dove si assiste all’aumento dei ragazzi ricoverati a seguito di patologie causate dall’uso di droga.

Siamo di fronte, purtroppo, ad una società che vuole sempre di più un uso della droga accettato e normalizzato e pertanto ancora una volta chiedo ai Dirigenti scolastici, agli insegnanti, alle famiglie e alle altre figure che lavorano a scuola di adempiere, come sottolinea in ogni occasione il Signor Capo della Polizia Prefetto Franco GABRIELLI, alle proprie funzioni con Fedeltà alla Repubblica, Disciplina ed Onore,  in quanto dalla loro capacità di rilevare situazioni anomale, come lo spaccio di droga, può dipendere la vita dei ragazzi evitando così che tante famiglie possano entrare nella disperazione vedendo i propri figli, a causa della droga, cadere nel tunnel dell’autodistruzione.

In tale delicato contesto il Questore lamenta l’indifferenza che ormai pervade tutta la società moderna e tiene a riproporre le parole del Signor Capo della Polizia Prefetto Franco GABRIELLI secondo cui “il peggiore dei mali possibili dei nostri tempi è l’indifferenza, è il girarsi dall’altra parte, è il non fare le scelte di campo  che siamo chiamati a fare:  dove stare e con chi stare” e pertanto ciascuno di noi ha il dovere costituzionale di difendere i giovani tutelando così tutta la società dando un futuro certo al nostro Paese.


19/10/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

13/11/2019 02:56:03