Questura di Macerata

  • Piazza della Libertà, 15 - 62100 MACERATA ( Dove siamo)
  • telefono: 073325411
  • email: dipps144.00f0@pecps.poliziadistato.it

Si finge vigilante e ruba nei negozi - arrestato

CONDIVIDI

Si finge vigilante e ruba nel negozio - arrestato

Nella tarda serata domenica 8 marzo, a seguito delle indagini svolte dagli uomini squadra anticrimine del Commissariato di Ps di Civitanova Marche, diretti dal Commissario Capo Malvestuto Roberto, veniva tratto in arresto il sig. P A., classe 1975, per il reato di furto aggravato e continuato.

La mattina di sabato veniva denunciato dal gestore di una bar del Centro Commerciale Civita Center di via Einaudi a Civitanova Marche, un ammanco da alcuni mesi, dal conteggio dell'inventario settimanale dei tabacchi. Il gestore notava in particolare che alcuni ammanchi di sigarette e il 04.03.2015 constatava che dal fondo cassa lasciato all'interno dell'esercizio,inoltre, dopo la chiusura, mancava la somma di euro 60,00.

Il giorno successivo al momento dell'apertura del predetto Bar, risultava mancare di nuovo la somma di euro 100 (cinque banconote da euro 20), insospettito dal fatto, decideva alle ore 20.00 orario di chiusura, di installare un telefonino munito di telecamera, posizionato in direzione del retro del bancone del Bar.

La denuncia in commissariato a fatto scattare le indagini di polizia giudiziaria dirette dall'Ispettore Capo della Polizia di Stato Castagnaro Stefano. Due appostamenti di polizia sono stati svolti nella serata di sabato ed in quella di domenica. Decisivo l'ultimo quando i poliziotti della scientifica nascosti in un fossato, muniti di binocolo hanno visto la scena: il vigilante, rimasto solo all'interno, con un bastone avente un uncino sulla estremità, recuperava le chiavi dall'interno del bancone dell'esercizio di bar aprendo con le stesse la serranda. Immediatamente dopo faceva ingresso nel bar, armeggiando nei pressi della cassa. Dopo qualche minuto il colpevole usciva provvedendo a richiudere la serranda e terminate le operazioni di spegnimento delle luci di tutto il centro commerciale, ne usciva salendo nell'autovettura di servizio. A quel punto peròveniva però bloccato dai poliziotti che gli chiedevano di consegnare quanto avesse asportato dall'interno del bar. In primo momento l'autore del gesto cercava di negare poi consegnava tre pacchetti di sigarette recanti un segnale di riconoscimento apposto.

Successivamente si dava inizio alla sua perquisizione personale, dalla quale emergeva che nella tasca sinistra del pantalone deteneva tre banconote da venti euro rispettivamente aventi n. ed una da cinquanta euro avente serie corrispondenti a quelle lasciate nel fondo cassa. La perquisizione personale permetteva altresì di rinvenire una placca metallica recante l'iscrizione "POLIZIA DI STATO" con al centro il sigillo della Repubblica Italiana contraffatto. Tale placca metallica risultava essere delle medesime dimensioni di quella in dotazione agli Ufficiali ed Agenti della Polizia di Stato per il loro riconoscimento personale, ad eccetto del numero di matricola che risultava mancante.

La perquisizione veniva anche estesa in un piccola stanza in uso al medesimo, sita al piano terra del centro commerciale, della quale possedeva la chiave di ingresso, ove veniva rinvenuto materiale del quale, come sopra, non sapeva giustificare il possesso: numerosi documenti personali di diverse persone, numerose chiavi del tipo per automobili, borse e portafogli.

La perquisizione veniva in fine estesa alla sua abitazione, anche perché dalle indagini compiute era emerso che deteneva una pistola . Di fatto nella sua abitazione si rinveniva una pistola di colore nero scaccia cani priva di tappo rosso, riproducente la pistola Beretta mod. 92 FS, in dotazione alla Polizia di Stato, nonché n. 50 cartucce a salve, un paio di manette metalliche; un cinturone di tessuto di colore nero, completo di porta manette e fondina per la pistola scacciacani citata, montato su pantalone di colore blu con tasconi laterali ed una camicia di colore blu, recante mostrine.

Commissario Capo PdS MALVESTUTO Roberto
10/03/2015

Gallerie

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

28/01/2023 20:09:17