Questura di Lodi

  • Piazza Castello n.30 - 26900 LODI ( Dove siamo)
  • telefono: 03714441
  • email: dipps199.00f0@pecps.poliziadistato.it

PICCHIATI E DERUBATI IN CASA: ARRESTATI I RAPINATORI.

CONDIVIDI
ARRESTI

Poliziotti della Questura di Lodi, in collaborazione con quelli di Torino e Milano, coordinati dalla Procura della Repubblica di Lodi, a conclusione di una articolata indagine hanno tratto in arresto tre soggetti di cui uno di origine albanese e due italiani, in esecuzione di altrettante ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP di Lodi, poiché ritenuti responsabili di una grave rapina in abitazione commessa il 23.01.2023 a Lodi.

Altre due persone, un italiano ed un cittadino romeno, sono indagate poiché ritenute coinvolte con un ruolo di supporto nella medesima rapina.

Quel giorno tre uomini, completamente travisati, alle prime luci dell’alba dopo essere entrati all’interno di uno stabile di via Ungaretti raggiungevano l’alloggio di una coppia di imprenditori titolari di una azienda operante nel settore dei cosmetici della zona sud di Milano, residenti al piano attico del palazzo.

Dopo aver atteso per quasi un’ora e mezza che le vittime aprissero la porta di ingresso per recarsi al lavoro, facevano irruzione nell’alloggio intorno alle ore 07.25 aggredendole con violenza, legandole con scotch e fascette da elettricista, continuando a picchiarle per circa quaranta minuti, facendosi poi consegnare denaro contante, oltre ad orologi e gioielli di valore, custoditi in una cassaforte che si facevano aprire con la minaccia e la violenza.

Al termine della rapina uscivano dall’appartamento alle ore 08.10 circa, raggiungevano il quarto complice che li aveva attesi in strada facendo “da palo” e, dopo aver ripreso il veicolo con il quale erano giunti in questo capoluogo, fuggivano facendo perdere le loro tracce.

Gli accertamenti hanno permesso di individuare il mezzo sul quale avevano viaggiato gli autori materiali della rapina, sul quale gli autori avevano applicato una targa rubata ad un veicolo di pari marca e modello.

L’acquisizione dei filmati di video sorveglianza dell’alloggio delle vittime ha ripreso alcune fasi dell’evento delittuoso consentendo di appurare che uno dei tre rapinatori aveva applicato sulla tibia della gamba sinistra un fissatore esterno, e che quindi aveva subito senza dubbio un intervento chirurgico nei mesi precedenti.

Iniziavano quindi molteplici accertamenti compiuti presso il Ministero della Sanità finalizzati ad acquisire i dati di quelle persone che avevano subito operazioni chirurgiche di quel tipo, che permettevano - tra le decine di dati forniti- di risalire ad un soggetto di origine albanese operato presso una struttura sanitaria di Torino, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio.

I servizi di pedinamento svolti da questa Squadra Mobile consentivano di individuare con certezza l’uomo come uno degli autori materiali della rapina commessa a Lodi, poiché indossava i medesimi capi di abbigliamento e aveva applicato lo stesso fissatore sulla caviglia della gamba sinistra.

L’indagine permetteva di delineare la struttura dell’organizzazione che aveva pianificato la rapina e delineare in particolare i ruoli di altri due soggetti, anche loro pluripregiudicati per reati contro il patrimonio che hanno svolto un preminente ed importante ruolo organizzativo; il primo, residente in provincia di Lodi, ha avuto modo di acquisire informazioni sulle vittime, sul loro tenore di vita, sui luoghi da loro frequentati e sulle loro abitudini, veicolandole al secondo, residente in provincia di Milano, figura con importanti agganci non solo nel mondo criminale milanese e del nord Italia ma anche con ambienti criminali del meridione.

Quest’ultimo è risultato essere di fatto il soggetto di collegamento con il gruppo che ha materialmente commesso la rapina, interamente proveniente da Torino, ed in passato il medesimo era stato affidato ad una comunità vicina ai luoghi frequentati dalle vittime.

Dalle indagini è emerso quindi un preciso ed articolato disegno criminale portato avanti da una “catena” di soggetti collegati tra di loro, che hanno, ognuno per la propria parte, avuto un ruolo decisivo nel portare a termine la rapina aggravata.

L’attività investigativa ha evidenziato che l’evento è stato pianificato almeno due anni fa ed ha richiesto uno sforzo organizzativo di rilievo, a partire dall’individuazione delle vittime, avvenuta verosimilmente in un ristorante dove erano solite recarsi, frequentato anche dal soggetto residente in provincia di Lodi, che le ha “scelte" come potenziale obbiettivo.

Ne sono seguite una capillare acquisizione di informazioni, un meticoloso “lavoro” di sopralluoghi nonché l’adozione di strategie volte ad eludere le indagini delle forze dell’ordine.

L’attività di Polizia Giudiziaria delegata dalla Procura della Repubblica di Lodi alla Squadra Mobile è stata pienamente accolta dal Giudice di questo capoluogo che ha emesso a carico di tre indagati altrettante misure di custodia cautelare in carcere.

Nei confronti degli altri indagati sono state perquisizioni locali e personali. Durante le fasi dell’arresto e delle perquisizioni sono stati rinvenuti circa 20.000 euro in contanti, un’arma comune da sparo completa di munizionamento ed alcuni degli indumenti utilizzati durante la rapina.

Tanto si comunica per la rilevanza pubblica dell'informazione, segnalando che il procedimento versa nella fase delle indagini preliminari, e che nei confronti degli indagati sussiste la presunzione di non colpevolezza fino alla condanna definitiva.


22/06/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

13/06/2024 06:17:53