Questura di Lodi

  • Piazza Castello n.30 - 26900 LODI ( Dove siamo)
  • telefono: 03714441
  • email: dipps199.00f0@pecps.poliziadistato.it

BORSEGGIATORI DENUNCIATI DALLA SQUADRA MOBILE.

CONDIVIDI
Borseggiatori

 

A seguito di un’articolata indagine condotta da questa Squadra Mobile sono stati deferiti in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria di Lodi, due uomini italiani di cui uno di 33 anni e l’altro di 48, entrambi domiciliati e provenienti da Reggio Emilia (RE), risultati essere gravati da diversi precedenti di Polizia.

L’attività investigativa svolta da questo Ufficio, riguarda il furto con destrezza e l’indebito utilizzo mediante le carte di credito e bancomat, commesso in data 03.02.2022 a Lodi, dai componenti del suddetto sodalizio criminale.

L’indagine nasce a seguito della denuncia da parte della vittima, un uomo del ’62, il quale subiva nella mattinata del 03.02.2022, il furto del borsello in cui custodiva i propri effetti personali riposti all’interno della propria autovettura che posteggiava all’interno dell’area parcheggio riservato ai clienti del supermercato “LIDL” ubicato a Lodi in via L. Savarè.

Successivamente al furto, la vittima appurava che ignoti malviventi hanno prelevato, mediante l’utilizzo illecito dei bancomat e della carta di credito della parte offesa, la somma complessiva di 2.500 euro presso lo sportello bancomat della filiale di via San Bassiano del Banco BPM.

L’attività ha avuto esito positivo attraverso la combinazione tra indagini classiche di polizia giudiziaria e l’ampio utilizzo di strumenti e metodologie tecniche quali banche dati e sistemi di video sorveglianza, attraverso i quali è stato possibile ricostruire l’evento delittuoso, risalendo così alle generalità e responsabilità degli stessi.

Gli accertamenti svolti nei confronti degli indagati hanno consentito inoltre, di delineare il modus operandi messo in atto dagli stessi, ovverosia quello di individuare le proprie vittime generalmente appartenenti alle cd. “fasce deboli”, all’interno di aree parcheggio riservato ai clienti di supermercati o centri commerciali, raggirandole con il cd. metodo dello “pneumatico forato”, operazione che consiste appunto nel forare la gomma dell’auto in uso alla vittima, per poi derubare quest’ultima, mentre è intenta alla sostituzione dello pneumatico, in modo da potergli sottrarre borse e portafogli, normalmente lasciati sul sedile dell’auto, nel corso dell’operazione di cambio.

Sulla base degli elementi di indagine emersi, la Procura della Repubblica di Lodi autorizzava una perquisizione locale e personale a carico dell’uomo di 33 anni, attività che ha consentito di rinvenire ulteriori elementi probatori a carico del medesimo quali capi di vestiario indossati durante la commissione dell’evento criminoso avvenuto in questo capoluogo.

Ulteriori controlli hanno evidenziato l’indole criminale degli indagati, entrambi con precedenti specifici e pregiudicati per reati contro il patrimonio della medesima specie di quelli già rilevati da questa Squadra Mobile, per di più senza svolgere alcuna attività lavorativa.

A termine di tale attività di indagine, i rei sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Lodi.


18/04/2023

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

13/06/2024 06:41:44