Questura di Lecce

  • Viale Otranto n.1 - 73100 LECCE ( Dove siamo)
  • telefono: 08326931
  • fax: 0832691777
  • email: gab.quest.le@pecps.poliziadistato.it - immig.quest.le@pecps.poliziadistato.it - anticrimine.quest.le@pecps.poliziadistato.it - ammin.quest.le@pecps.poliziadistato.it

LADRI D’APPARTAMENTO IN TRASFERTA RUBANO LE CHIAVI DI CASA DA UN’AUTOVETTURA E GLI RIPULISCONO L’ABITAZIONE. INDIVIDUATI DALLA POLIZIA DI STATO

arresto

Gli agenti della sezione volanti della Questura di Lecce, nella mattinata di ieri, sono intervenuti in una traversa di viale Grassi, presso un appartamento, per un furto consumato. Qui, il figlio del proprietario, inviato dal padre a controllare che a casa fosse tutto a posto poiché  aveva notato che la propria auto, parcheggiata nei pressi di un lido a San Cataldo (Lecce), era stata aperta e qualcuno aveva frugato tra i documenti, probabilmente per ottenere l’indirizzo di residenza, anche perché, tra le altre cose, mancavano le chiavi di casa.

Di fatto, il cancelletto d’ingresso ed il portone di accesso allo stabile erano stati aperti, ma non forzati, mentre la porta d’ingresso dell’abitazione era chiusa a chiave con due mandate. All’interno, l’appartamento era a soqquadro ed erano stati asportati numerosi oggetti in argento e un salvadanaio all’interno del quale c’era una cospicua somma di danaro, composta da banconote  da €20, da €10 e da €5.

Gli agenti, dalle immagini del sistema di videosorveglianza dell’appartamento hanno rilevato la presenza di due individui che entravano nella palazzina in questione per uscirne dopo alcuni minuti con uno zaino per poi allontanarsi a bordo di un’autovettura Opel Meriva di colore grigio. Dalle immagini, si rilevava anche la targa del veicolo.

Del furto è stato avvisato il proprietario, che ha verificato ancora le condizioni della propria vettura e a questo controllo ha trovato la macchina nuovamente aperta e documenti e chiavi rimessi a posto nel vano portaoggetti, come se non fosse accaduto nulla.

Nel frattempo, i poliziotti recatisi a San Cataldo per accertare l’effrazione dell’autovettura, sono stati informati che nei pressi di un Lido alcune persone avevano fermato uno di due individui, l’altro si era dileguato nella pineta, visti aggirarsi con fare sospetto tra le auto in sosta. Questi viaggiavano a bordo di una Opel Meriva grigia.

L’uomo bloccato dai bagnanti, identificato per G.C.E  di Bari di anni 37, corrispondeva ad uno dei due ladri ripresi dalla telecamera di sorveglianza.

La successiva perquisizione, estesa anche al veicolo, ha permesso agli operatori della sezione volanti di rinvenire abiti e accessori, usati precedentemente per il furto, la somma di 565,00 euro ed un navigatore TOM TOM dove era ancora memorizzato l’ultimo indirizzo digitato, ossia quello dell'appartamento derubato poco prima. Inoltre è stata rinvenuta una patente di guida intestata ad un 30enne barese, G.G., il probabile complice

Al termine degli accertamenti, il fermato G.C.E.  veniva tratto in arresto per Furto Aggravato in concorso e possesso ingiustificato di oggetti e arnesi atti allo scasso e associato presso la locale Casa Circondariale, mentre il titolare della patente G.G. veniva indagato in stato di irreperibilità per lo stesso reato.

Da sottolineare come il provvidenziale intervento degli agenti delle volanti abbia impedito che i due malviventi reiterassero la loro azione criminale, infatti erano alla ricerca di altre potenziali vittime, approfittando dell’abitudine, assai diffusa, purtoppo, di custodire le chiavi di casa nei veicoli fornendo loro l’indirizzo di residenza con i documenti anchèessi custoditi in auto.


22/07/2019
(modificato il 08/08/2019)

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

16/09/2019 08:40:28