Questura di Imperia

  • Piazza del Duomo, 14 - 18100 IMPERIA ( Dove siamo)
  • telefono: 01837951
  • fax: 0183795592
  • email: urp.quest.im@pecps.poliziadistato.it

Arrivano in frontiera con un "carico" eccezionale di stupefacenti: 130 ovuli di droga nascosti nell'addome. Arrestati dalla Polizia di Stato.

Arrivano in frontiera con un

Sono giunti in frontiera a bordo di un taxi per non farsi scoprire ma la Polizia di Frontiera ha avuto uno straordinario “fiuto” e ha tratto in arresto due nigeriani con 130 ovuli di droga.

Se scoprire un traffico di sostanze stupefacenti nella nostra zona di confine, sebbene non accada con frequenza, non rientri negli eventi clamorosi della Polizia di Frontiera, fermare ed arrestare due persone con ben 130 ovuli nascosti nella cavità addominale, ha sicuramente dell’eccezionale.

Superato quindi anche il record raggiunto lo scorso anno a marzo, quando fu tratto in arresto un cittadino del Ghana con oltre 60 ovuli nello stomaco, mentre i due nigeriani fermati la scorsa notte ne trasportavano, in totale, 130.

I fatti. Due pattuglie della Polizia di Frontiera di Ventimiglia, coordinate dal dirigente dr. Santacroce, effettuano i consueti controlli presso la barriera autostradale. Mentre uno degli Agenti è intento a contattare la Sala Radio per accertamenti su un documento, il collega accanto, oltre a coadiuvarlo, segue con attenzione il via vai di auto che passano la barriera. Ad un tratto l’attenzione viene rivolta ad un taxi con targa francese dentro il quale si delineano le sagome di due stranieri. Il primo pensiero degli Agenti è rivolto ad un possibile ingresso clandestino. Ecco dunque l’“ALT” della Polizia che costringe l’autista all’arresto immediato.

Alla richiesta di fornire i documenti di identità i due stranieri, entrambi nigeriani, risultano essere: E.W., un trentenne in Italia senza fissa dimora, che esibisce un titolo di viaggio per stranieri e permesso di soggiorno parimenti rilasciati dalla Questura di Roma nel 2017; M.K., di anni 29, domiciliato a Massa, che mostra un passaporto nigeriano ed un permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Massa lo scorso anno, in corso di validità.

L’evidente stato ansioso che via via prendeva sempre più piede nei due stranieri insospettiva i già sospettosi poliziotti, che decidevano di condurre gli stranieri in ufficio per più approfonditi controlli sui documenti esibiti.

Espletate tutte le verifiche previste, i documenti risultavano essere autentici, così come gli stranieri senza precedenti di Polizia, eppure, qualcosa non tornava.. quel malcelato nervosismo aveva sicuramente una spiegazione..

A quel punto il sospetto che potesse trattarsi di “body packer” (termine usato per chi trasporta dentro sé sostanze stupefacenti) prendeva sempre più consistenza.

Venivano pertanto condotti presso l’Ospedale di Sanremo e sottoposti a TAC che evidenziava, su entrambi, la presenza di numerosissimi ovuli nella cavità addominale.

I due stranieri venivano pertanto ricoverati in attesa dell’evacuazione degli ovuli, anche in considerazione dell’altissimo pericolo in quanto, la possibile perdita di impermeabilità dell’involucro prima della sua eliminazione, con conseguente assorbimento massivo di sostanze stupefacenti, avrebbe procurato gravi conseguenze, non di rado, letali per arresto cardiaco.

Dopo oltre un giorno gli stranieri hanno finalmente espulso gli ovuli che, a seguito di analisi, sono risultati  essere come segue:

Primo straniero: nr. 70 OVULI del peso pari a quasi 800 gr. sostanza stupefacente tipo EROINA, e una piccola parte di  tipo COCAINA;

Secondo straniero: 60 OVULI del peso pari a quasi 700 gr. di sostanza stupefacente tipo COCAINA e  OPPIACEI/ANFETAMINE.

Terminate le procedure mediche, i due nigeriani sono stati tratti in arresto ed associati al carcere di Imperia, mentre la Polizia di Frontiera ha avviato le indagini tese a comprendere la provenienza degli stupefacenti e se gli stessi fossero destinati al mercato del nostro ponente.


01/11/2019

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

15/11/2019 08:12:16