Questura di Grosseto

  • Piazza Giovanni Palatucci 2 - 58100 GROSSETO ( Dove siamo)
  • telefono: 0564-433111/399111
  • fax: 0564-433777
  • email: dipps137.00f0@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

ARRESTATA DALLA SQUADRA MOBILE UNA RAGAZZA RUMENA CHE TRUFFAVA DELLE BANCHE DEL CAPOLUOGO.

CONDIVIDI

Operazione della Squadra Mobile di Grosseto

Nella mattinata del 29 marzo scorso personale della Questura di Grosseto traeva in arresto BORTA Elena Cristina, cittadina rumena di 23 anni, colta nella flagranza del reato di truffa ai danni di un'agenzia bancaria di Grosseto.
Nei giorni precedenti l'arresto, nil personale della Squadra Mobile impegnato in attività investigativa finalizzata alla repressione dei reati contro il patrimonio, acquisiva notizie riguardanti una giovane rumena, che aveva iniziato ad accendere numerosi conti correnti presso istituti di credito cittadini.


Una verifica presso le agenzie bancarie, permetteva di acclarare che la donna, a decorrere dal mese di febbraio scorso, aveva acceso sette conti correnti presso altrettanti istituti, versando solo su alcuni di questi degli assegni non trasferibili, cosìddetti "a traenza", normalmente emessi per rimborsi da parte di compagnie di assicurazioni. Tali titoli vengono definiti "a copertura garantita", perché la loro emissione viene effettuata con c.d. "provvista certa", quasi paragonabile ad un assegno circolare, e solitamente sono assegni che hanno validità di due mesi. Si intuiva pertanto che tali assegni erano stati sicuramente rubati nel corso della spedizione postale al legittimo beneficiario, ed una volta sostituito il nome, se ne supponeva l'utilizzo per effettuare delle truffe ai danni degli istituti di credito, in quanto la risposta da parte della banca emittente circa la firma apocrifica, oppure il cambio del destinatario, avviene solitamente dopo diversi mesi, e quindi se una banca non effettua accertamenti rigorosi all'atto del deposito, si rimane vittime di raggiro.


Alla luce di questa prime risultanze investigative, il personale della Polizia di Stato espletava dei servizi di osservazione nei confronti della BORTA, che nella mattinata del 29 u.s. veniva notata entrare ed uscire da due diverse banche del capoluogo, all'interno delle quali effettuava delle operazioni allo sportello con ritiro di denaro contante.


Una volta bloccata e sottoposta a perquisizione, la donna veniva trovata in possesso di copiosa documentazione bancaria relativa ai diversi conti correnti accesi, nonché della somma in contanti di 1500 €, appena ritirata e cinque assegni "a traenza", emessi da cinque diverse banche, ma riportanti sempre le generalità della donna quale destinataria.
I successivi approfondimenti consentivano di mettere in luce la truffa consumata la stessa mattina ai danni di un'agenzia del MPS, nonché della tentata truffa ai danni della Banca Intesa.-


01/04/2010

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

01/02/2023 10:40:10