Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

POLIZIA DI STATO: ARRESTATO MOLDAVO

CONDIVIDI
.

POLIZIA DI STATO: ARRESTATO MOLDAVO

 

La scorsa notte, su disposizione della sala operativa, personale delle Volanti si portava presso un’abitazione cittadina in quanto era scattato un allarme per un braccialetto elettronico.

Giunti sul posto gli Agenti trovavano una cittadina moldava che riferiva di aver avuto una violenta lite con il compagno che era agli arresti domiciliari presso l’abitazione familiare. La donna raccontava che il litigio era iniziato quando una coppia di amici dell’uomo si era presentata per trascorrere la serata. La parte lesa era infastidita dall’episodio in quanto il moldavo non poteva ricevere visite essendo agli arresti domiciliari e, seppur con estrema difficoltà, risuciva a convincere gli ospiti ad allontanarsi. Immediatamente dopo l’uomo la minacciava di tagliarle la gola e quindi la colpiva con un coccio di vetro.

 Successivamente le prendeva la testa e gliela faceva sbattere contro il muro della cucina gettandola sul pavimento e facendole momentaneamente perdere i sensi.  La donna implorava il compagno di non farle ancora del male, ma veniva ugualmente trasportata sul balcone della cucina e sporta al di sopra della ringhiera. Dopo qualche minuto veniva riportava all’interno dell’abitazione, sbattuta al suolo e colpita con dei calci.

Riuscita a riprendersi temporaneamente dallo shock e approfittando della distrazione del compagno, la parte offesa cercava di darsi alla fuga  correndo in strada. Non potendo avvisare la Polizia perché fuggita senza cellulare, disattivava il contatore elettrico dell’abitazione facendo così scattare l’allarme del braccialetto elettronico in modo da fare intervenire sul posto una pattuglia della Polizia.

L’uomo, all’arrivo degli Agenti, era affacciato al balcone e visibilmente fuori di se cominciava a sbraitare  e a minacciare di togliersi la vita, infatti scavalcava la ringhiera sporgendosi fuori dal balcone rimanendo con le gambe penzoloni, aggrappandosi solo con le braccia.

Gli Agenti trattenevano l’uomo appeso alla balconata e quando abbandonava la presa riuscivano a fatica ad evitarne la caduta afferrandolo per i polsi e, dopo alcuni secondi, si riusciva a riportarlo all’interno prendendolo per le gambe. Riportato in sicurezza, era comunque non collaborativo e cercava di sottrarsi alla presa degli operatori che si vedevano costretti ad usare una piccola quantità di spray capsicum riuscendo ad accompagnarlo fino all’autolettiga del 118, nel frattempo giunta sul posto, per il trasporto presso il locale nosocomio. Dagli accertamenti sanitari esperiti l’uomo risultava avere un tasso alcolemico pari a 2,88g/l e rimaneva in osservazione fino al completo smaltimento delle sostanze alcoliche presenti nel sangue.

Nella mattinata di ieri il moldavo veniva dimesso e, su disposizione del Magistrato di Sorveglianza che revocava gli arresti domiciliari, veniva associato alla locale Casa Circondariale.  


23/07/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

17/10/2021 04:29:03