Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

CLANDESTINO PLURIPREGIUDICATO ACCOMPAGNATO IN TUNISIA

CONDIVIDI
.

CLANDESTINO PLURIPREGIUDICATO ACCOMPAGNATO IN TUNISIA

Il Questore Capocasa ha disposto, congiuntamente ai quotidiani controlli effettuati nei Giardini del grattacielo, in Piazzetta Toti e Castellina, ulteriori servizi straordinari tesi a realizzare una maggiore tranquillità sociale e garantire il vivere ordinato dei cittadini che ivi risiedono.

 

La continua presenza della Polizia di Stato in quei luoghi ha determinato una notevole diminuzione della presenza di soggetti che, per lungo tempo, hanno occupato le predette zone trasformandole in aree di spaccio e di bivacco con conseguente degrado urbano.

 

Nella giornata di ieri il personale della Questura, unitamente a pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna, ha effettuato vari controlli nella predetta area,  in particolare,  lungo il sottomura di via IV Novembre ove è stata riscontrata la presenza di un gruppetto di extracomunitari.

Alla vista degli agenti, un cittadino extracomunitario ha cercato di dileguarsi ma veniva immediatamente fermato e accompagnato in Questura per la sua identificazione essendo privo di documenti. Dai primi accertamenti emergeva che lo straniero, un cittadino tunisino di 40 anni, era irregolare sul T.N. e gravato da vari precedenti di polizia e penali per reati contro il patrimonio e ritenuto socialmente pericoloso.

L’ufficio Immigrazione prontamente si attivava per le procedure di espulsione, ritirando direttamente alla Rappresentanza Consolare Tunisina a Genova il c.d. “lasciapassare”.

 

Veniva disposto il provvedimento di espulsione dal Prefetto, l’Ordine  di Esecuzione del Questore di accompagnamento dello straniero alla frontiera  sino al paese di origine, provvedimento che veniva convalidato, stante la sussistenza dei requisiti di legge, immediatamente dal Giudice di Pace.

 

Al termine delle predette formalità il tunisino veniva accompagnato all’aeroporto di Roma Ciampino e imbarcato su volo diretto per Tunisi.

 

Dall’inizio dell’anno, nonostante le restrizioni Covid che hanno determinato la chiusura delle frontiere l’attività di contrasto all’immigrazione clandestina è stata comunque significativa, in particolare si è proceduto ad accompagnare ai CPR (Centri Permanenti per i Rimpatri) 19 stranieri irregolarmente soggiornati e 10 sono stati i rimpatri diretti al  paese d’origine tra cui alcuni tunisini.

 

“I clandestini considerati destabilizzanti per l’ordine e la sicurezza pubblica devono essere rimpatriati.”


26/09/2020

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

03/12/2020 02:57:28