Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

DENUNCIATI PER TRUFFA

CONDIVIDI
LECCE: “TRUFFA DELLO SPECCHIETTO” - BLOCCATO E DENUNCIATO DALLA POLIZIA DI STATO UN “ARROTINO” DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA.

DENUNCIATI PER TRUFFA

Gli Agenti della Squadra Mobile deferivano, in stato di libertà, alla locale A.G. due uomini e una donna, tutti italiani, per il reato di truffa.

La vittima, un cittadino ferrarese, riferiva di aver messo in vendita sul portale Subito.it la sua autovettura VOLKSWAGEN UP.

Veniva contattato da un uomo interessato all’acquisto concordando la vendita per 8800,00 euro.

L’ acquirente riferiva di voler effettuare il pagamento tramite uno sportello ATMe convinceva il venditore a recarsi presso un istituto bancario per poter effettuare l’operazione.

Su indicazioni telefoniche del truffatore entrava nella schermata delle ricariche e digitava una serie di numeri suggeriti dallo stesso.

Successivamente il ferrarese controllava il suo conto corrente rendendosi conto di essere stato raggirato in quanto aveva effettuato, attraverso diverse operazioni, ricariche su altre carte per una somma pari a 7.700,00 Euro.

Le indagini svolte attraverso una serie di accertamenti incrociati, tra le utenze cellulari con le quali sono avvenute le trattative commerciali e le carte di credito usate per gli accreditamenti delle somme di denaro pattuite a fronte del pagamento dei veicolo,  permettevano di raccogliere gli elementi volti all’identificazione dei tre autori della truffa, nonché di acquisire i riscontri investigativi per dimostrare le loro dirette responsabili nei fatti illeciti.

COME AVVIENE LA TRUFFA DEL BANCOMAT:

Il finto acquirente dopo aver trovato un accordo con il venditore propone di effettuare il pagamento tramite postepay, bancomat o bonifico. Mentre il venditore è allo sportello riceve la chiamata dal  falso acquirente in cui gli vengono fornite le seguenti indicazioni: 

- Inserire il bancomat.

- Selezionare il circuito di pagamento.

- Selezionare Ricarica.

A questo punto, “l’acquirente” comunica al venditore un numero di carta da inserire, sostenendo essere il numero dell'ordine per il prodotto, e selezionare l'importo pattuito prima di confermare il "pagamento". In altri casi il presunto comparatore dice di aver effettuato un bonifico e che è necessario andare al bancomat per riscuoterlo.

La POLIZIA invita:

A NON EFFETTUARE MAI questo tipo di operazioni, poiché il finto acquirente si farà accreditare l’importo. Quando si ricevono  richieste di questo tipo, NON PROSEGUIRE CON LA TRATTATIVA.


11/08/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

17/10/2021 05:30:15