Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

SERVE ALCOLICI A MINORENNI IL QUESTORE EMETTE UN PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE EX ART. 100 TULPS

CONDIVIDI

Il Questore Capocasa ha disposto la chiusura per 5 giorni ai sensi dell'art. 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza dell’esercizio commerciale  L’ANGOLO DELLA BOCCA”, sito in Lido di Spina Viale Raffaello Sanzio, 170 per motivi di ordine pubblico e sicurezza dei cittadini, anche con la finalità di impedire il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale.

Nell’ambito dei servizi di prevenzione e di ordine pubblico per l’intera zona dei lidi di Comacchio disposti dal Questore,  la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri hanno eseguito, nei confronti dei gestori di un esercizio di somministrazione alimenti e bevande, un provvedimento di sospensione emesso ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S.

Alla serata di sabato 24 luglio scorso venivano predisposti dei controlli congiunti con personale della Divisione di Polizia Amministrativa di Sicurezza della Questura di Ferrara e dell’Arma dei Carabinieri della Stazione di Lido degli Estensi, ai locali maggiormente frequentati dalla movida, con particolare interesse nella zona dei così detti “Baretti” di Viale Raffaello Sanzio al Lido di Spina.

Nel corso dell’attività veniva riscontrato come all’interno di alcuni esercizi pubblici venissero somministrate bevande a diversi giovani, alcuni manifestamente minori di 18 anni.

Nei pressi del pubblico esercizio denominato “ANGOLO DELLA BOCCA”, considerata la verosimile minore età degli avventori, venivano controllate due ragazze intente ad uscire nell’area esterna del pubblico esercizio mentre tenevano in mano due drink appena serviti che, dai successivi accertamenti, risultavano essere un cocktail denominato “quattro bianchi alla fragola” (a base di vodka bianca, gin, tequila e rum, aromatizzato con succo alla fragola) e un cocktail denominato “angelo azzurro” (a base di gin e triple sec), bevande superalcoliche che vantano una gradazione che si aggira attorno ai 35°.

Le adolescenti, con età compresa tra i 14 e 15 anni, avevano ottenuto le bevande alcoliche senza che la cassiera ed il barman, prima di procedere alla vendita e alla somministrazione, avessero posto in essere alcuna azione per accertarne la maggiore età, nonostante fosse manifesta che non lo erano.

Anche il titolare del pubblico esercizio, presente nel locale, non si adoperava in alcun modo al fine di evitare il verificarsi di tali episodi; pertanto i predetti sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per la somministrazione di bevande alcoliche a minori.

Il Questore ha disposto la sospensione dell’attività per  5 giorni con un provvedimento ai sensi dell’articolo 100 T.U.L.P.S., che disciplina la potestà dell’Autorità provinciale di Pubblica Sicurezza di sospendere la licenza di un esercizio che costituisca pericolo per l’ordine pubblico, per la moralità e il buoncostume o per la sicurezza dei cittadini intesa in senso ampio come sicurezza alla salute e al benessere della collettività, anche in considerazione al fatto che la stagione estiva è in pieno svolgimento e un segnale, da parte di questa, deve essere chiaro in prospettiva delle prossime serate che l’esercizio si appresta ad effettuare, al fine di scongiurare altre condotte che potrebbero pregiudicare la salute di quei minorenni che assumono bevande alcoliche e superalcoliche.

Altri esercizi  pubblici  sono stati controllati riscontrando il pieno rispetto delle prescrizioni normative.

A Ferrara, ed in particolare nella zona dei lidi interessata dalla movida, rimane alta l’attenzione delle Forze dell’Ordine nei confronti dei comportamenti irresponsabili ed inosservanti delle norme poste a tutela della salute pubblica e al contenimento del contagio da Covid-19.

 

Il Questore Capocasa:  “ sono sempre più numerosi i giovanissimi che fanno  uso di sostanze stupefacenti e alcoliche e si comincia sempre prima.       Il tossicodipendente e alcoldipendente non sono liberi: sono schiavi dei loro vizi e non riescono ad avere una vita normale, in famiglia e con gli amici. È necessario, oltre ad una sistematica attività di controllo, promuovere campagne di sensibilizzazione  per informare i giovani sulle conseguenze dell’abuso di alcol e stupefacenti “.

 

 


31/07/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

17/10/2021 05:24:47