Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA PER ANNI AMMONIMENTO DEL QUESTORE

CONDIVIDI
.

MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA PER ANNI AMMONIMENTO DEL QUESTORE

La misura dell’Ammonimento pone ancora una volta,  un qualificato freno agli atti di violenza domestica commessi nei confronti della vittima.

 

L’atto  è stato adottato dal Questore Capocasa, previa verifica dei fatti, e  attraverso l’acquisizione dei necessari elementi informativi e delle dichiarazioni rese dalle persone informate sui fatti.

 

Il Fatto:-

Vittima la moglie costretta a subire sistematiche vessazioni psico-fisiche reiterate negli anni. L’ultimo episodio circa due mesi fa, quando la donna segnalava una lite con il compagno a causa di continue incomprensioni dovute alla gelosia dell’uomo e alla gestione del denaro, che degenerava in una vera e propria aggressione fisica con schiaffi  e tirate di capelli, tanto che la vittima era costretta a rifugiarsi  a casa di amici.

Le indagini  hanno evidenziato diversi episodi di percosse, ingiurie e maltrattamenti anche psicologici  avvenuti nel tempo  da parte del convivente, anche davanti alla figlia minore e mai denunciati per paura di ritorsioni ancora più cruente su se stessa.  La vittima riferiva anche di minacce ed intimidazioni per costringerla ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà e  che i motivi principali dei suoi atteggiamenti violenti e ingiuriosi  era da ricondursi al suo sovente stato di alterazione  dovuto all’uso e abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti. Dopo le sopraffazioni, soprusi  e violenze fisiche, la vittima decideva di uscire dal silenzio e dalla paura  denunciando  il suo triste vissuto.

 

Il Questore, con la misura dell’AMMONIMENTO, ha intimato  all’uomo di desistere da comportamenti e atti che possano mettere in pericolo l’incolumità o la sicurezza fisica o psicologica dei familiari, informandolo sui centri di recupero e sul protocollo ZEUS, che prevede un percorso trattamentale per gli autori di tali condotte al fine di interrompere una rischiosa escalation e favorire un pieno recupero dell’autore del reato.

 

L’APP YOUPOL, realizzata dalla Polizia di Stato per segnalare episodi di spaccio e bullismo, viene estesa anche ai reati di violenza che si consumano tra le mura domestiche .

L'estensione dell'applicazione a questo tipo di reati è un ulteriore passo in avanti per affrontare fenomeni che richiedono un deciso cambiamento culturale. L’APP è caratterizzata dalla possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato. Le segnalazioni sono automaticamente georeferenziate, ma è possibile per l’utente modificare il luogo dove sono avvenuti i fatti, così come  chiamare direttamente la sala operativa 113 della Questura; per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di fare segnalazioni in forma anonima.       Anche chi è stato testimone diretto o indiretto - per esempio i vicini di casa -  può denunciare il fatto all’autorità di polizia, inviando un messaggio anche con foto e video.

 

L’appello che il  Questore Capocasa, ripete come un mantra: “ Rompete l’isolamento e la vergogna. Uscite dal silenzio.  Denunciate.”


16/02/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

13/05/2021 17:51:15