Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

CORONAVIRUS e SPACCIO CONTINUANO I CONTROLLI DELLA POLIZIA DI STATO NELL’AMBITO DELL’ATTIVITA’ PIANIFICATA CON LA POLIZIA MUNICIPALE

CONDIVIDI
polstradasiena 1

CORONAVIRUS e SPACCIO CONTINUANO I CONTROLLI DELLA POLIZIA DI STATO NELL’AMBITO DELL’ATTIVITA’ PIANIFICATA CON LA POLIZIA MUNICIPALE

Continua il dispositivo messo in campo dal Questore di Ferrara, teso ad  assicurare il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, in tutta la città e in particolar modo nella  zona   “ GAD”, quest’ultima ancora oggetto di assembramenti  ingiustificati  da parte di cittadini extracomunitari.

I controlli volti a prevenire ed eventualmente a reprimere tempestivamente i reati in genere, nonché per verificare la corretta attuazione ed il rispetto della normativa vigente emanata per fronteggiare e contenere l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del  Covid_19, hanno portato i seguenti risultati:

  • 11 persone deferite alla locale A.G. per violazione ex art 650 c.p., in quanto circolavano per le vie cittadine senza alcuna giustificazione prevista dal DPCM. 
  • 3 violazioni amministrative al Codice della strada

 

Gli operatori di Polizia hanno, altresì, proceduto a effettuare controlli all’interno delle  due torri del grattacielo, in particolare, hanno rilevato che due  appartamenti presentavano  un buco nel muro nelle vicinanze della porta d’ingresso dell’unità abitativa, che permetteva di vedere dall’interno all’esterno e viceversa.

Tali fenditure  potrebbero ipoteticamente ricondursi  ad uno stratagemma  utilizzato   per favorire lo spaccio di stupefacenti all’interno della torre.

 

L’emergenza coronavirus ha inciso su tutti i settori commerciali, quelli legali ma anche quelli illegali: quello della droga non fa eccezione. Gli affari vanno male per tutti, anche per gli spacciatori dato che hanno dovuto cambiare le modalità di vendita della droga.

Nelle piazze di spaccio della zona G.A.D. e nel sottomura cittadino, fino al 09 marzo erano i consumatori che individuavano lo spacciatore fermo nei giardini o negli androni del grattacielo, e si avvicinavano per chiedere la dose. Dopo l’entrata in vigore del decreto anti Covid-19, la situazione si  è completamente ribaltata e lo sanno le forze di polizia che hanno dovuto riadattare anche i loro sistemi per contrastare il fenomeno dello spaccio. Innanzitutto, stare fuori casa senza un valido motivo è reato, e con le piazze deserte, la presenza di una persona sospetta allerta gli investigatori.

Quindi, la nuova “ modalità ”  utilizzata dallo spacciatore è quella, protetto da guanti e mascherine per evitare il contagio, di nascondersi in un vano scala, all’interno di portoni condominiali o appartamenti occupati abusivamente.

Una vedetta, all’esterno, individua i potenziali clienti, li avvicina e indica dove andare per comprare la droga.

Un sistema più macchinoso, che allunga i tempi della vendita ma riduce il rischio di essere “beccati” dalle forze dell’ordine.

Cambia poco, invece, per gli spacciatori che continuano il loro “ mestiere” dagli arresti domiciliari ove

ricevono i consumatori direttamente in casa. Nelle zone periferiche, invece, dove venditori e compratori devono muoversi con mezzi propri per potersi incontrare, tentano di aggirare i controlli utilizzando le autodichiarazioni.  Ci si inventa la necessità di  fare la spesa, per raggiungere, invece, il cliente più facoltoso che vuole essere rifornito a domicilio.

 

Il Questore “ Noi ci siamo sempre voi restate a casa


21/03/2020

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

19/09/2020 18:39:13