Questura di Ferrara

  • Corso Ercole I d'Este n.26 - 44121 FERRARA ( Dove siamo)
  • telefono: 0532-294311
  • fax: 0532-294777
  • email: urp.quest.fe@pecps.poliziadistato.it

POLIZIA DI STATO: CONTROLLI AL GAD

CONDIVIDI
.

Proseguono in maniera sempre più serrata i servizi di ordine e sicurezza pubblica disposti dal Questore nell’area cittadina “GAD”, considerata più sensibile a fenomeni criminali legati allo spaccio di sostanze stupefacenti, all’immigrazione clandestina e reati in genere, attraverso il costante impiego del Reparto Prevenzione Crimine, di una aliquota del Reparto Mobile e della Polizia Municipale, con unità cinofile, con i seguenti risultati:

 

  • Una espulsione dal territorio di un cittadino extracomunitario clandestino
  • 153 persone identificate risultate regolari.
  • 53 veicoli controllati
  • 5 esercizi commerciali regolari
  • 4 sanzioni amministrative

 

Si segnalano, in particolare, due episodi verificatesi entrambi nel pomeriggio di ieri.

 

In Piazzetta Toti personale della Polizia di Stato fermava per un controllo un cittadino nigeriano di anni 32.

Alla richiesta di esibire il permesso di soggiorno e altro documento di identità, dichiarava di averli dimenticati a casa di un suo connazionale e pertanto veniva accompagnato in Questura per l’identificazione.

Dal fotosegnalamento emergeva che il cittadino, senza fissa dimora, oltre ad annoverare numerosi precedenti penali e di polizia, principalmente per reati contro la persona e spaccio di sostanze stupefacenti, risultava anche irregolare sul territorio.

Al termine degli accertamenti veniva espulso dal territorio nazionale.

 

Nel secondo episodio invece, avvenuto nel tardo pomeriggio in via Olimpia Morata, interveniva personale Volanti in quanto un cittadino lì residente segnalava che da un appartamento proveniva musica ad alto volume e che all’interno vi erano radunate più persone.

Gli operatori giunti sul posto verificavano che effettivamente dall’appartamento provenivano forti rumori udibili dall’esterno proprio come se vi fosse in atto una festa. All’interno venivano identificate quattro persone che risultavano esserne gli occupanti: una coppia di coniugi coi rispettivi figli minori (di anni 6 e anni 8) tutti di origine nigeriana.

Il marito dichiarava agli agenti che era il suo compleanno e per tale motivo aveva voluto invitare alcuni suoi conoscenti a festeggiare.

Effettivamente oltre alla famigliola all’interno della casa erano presenti anche sette uomini, tutti nigeriani.

Terminata l’identificazione dei presenti, da cui si evinceva che il festeggiato era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari e che anche tutti i suoi amici erano pluripregiudicati, il personale delle Volanti procedeva a sanzionarli in materia di violazione delle prescrizioni inerenti al rischio epidemiologico per l’emergenza Covid constatando l’assembramento ingiustificato di più persone.

Si precisa inoltre che per il cittadino nigeriano sottoposto alla misura degli arresti domiciliari è stata già inoltrata la richiesta di revoca del provvedimento al fine della detenzione in carcere.

 

Il Questore “Noi ci siamo sempre voi restate a casa


25/04/2020

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

13/07/2020 17:50:27