Questura di Fermo

  • Via Italia, 12 - 63900 FERMO ( Dove siamo)
  • telefono: 073425441
  • email: gab.quest.fm@pecps.poliziadistato.it

Truffe sull'assicurazione obbligatoria online

CONDIVIDI
truffe assicurazioni-

Tramite controlli incrociati i poliziotti hanno identificato e denunciato gli autori delle truffe, due campani pregiudicati esperti del “settore”

Ancora truffe scoperte ed autori denunciati all’Autorità Giudiziaria dalla Polizia di Stato della Questura di Fermo.

A seguito della denuncia presentata da un cittadino residente sul litorale fermano, il personale della Polizia di Stato è riuscito ad identificare e segnalare alla Procura della Repubblica due truffatori seriali campani che vivono dei proventi di questi reati ma che mettono in serio pericolo le persone che cadono nella loro rete truffaldina.

Il denunciante ha dichiarato che alcuni mesi fa, avendo bisogno di stipulare un contratto di assicurazione obbligatoria RCA per un breve periodo aveva contattato su internet una nota Compagnia assicurativa per richiedere un preventivo.

Dopo aver compilato i campi ed aver inviato la richiesta, è stato contattato telefonicamente da un soggetto il quale, dichiarandosi un referente di quella Compagnia di assicurazioni, gli ha proposto un’offerta vantaggiosa che il fermano ha subito accolto, procedendo al bonifico on line e ricevendo il giorno successivo, al suo indirizzo di posta elettronica, copia del contratto stipulato con il quale ha circolato serenamente per il tempo di copertura.

Dopo un paio di mesi, visto il favorevole esito della transazione precedente, ha richiesto un altro preventivo on line per una copertura annuale e “magicamente” dopo alcune decine di minuti è stato richiamato sull’utenza telefonica inserita nel sistema da un'altra persona della medesima Compagnia che, sempre e solo telefonicamente, gli ha proposto, un’altra volta, un’offerta molto vantaggiosa ma di breve durata che il richiedente ha subito preso al volo, effettuando ancora una volta il bonifico con successiva ricezione del contratto.

Sembrava che fosse andato tutto a buon fine ma il cittadino fermano, dopo aver letto l’articolo pubblicato ad aprile scorso dagli organi di stampa relativo alle numerose truffe on line concernenti le assicurazioni obbligatorie delle autovetture, si è insospettito per le modalità del contatto telefonico e per la estrema convenienza del contratto stipulato rispetto a quanto pubblicizzato da altre Compagnie.

Infatti, verificando nel sito web specializzato nel fornire indicazioni sulla effettiva copertura assicurativa dei veicoli, ha scoperto che l’automobile che guidava non era assicurata.

Si è allora recato all’Ufficio Denunce della Questura segnalando il fatto.

Gli operatori della Polizia di Stato hanno immediatamente avviato le indagini, verificando, di fatto, la mancanza della copertura dai rischi per la circolazione e che quindi il contratto ricevuto era fasullo ma anche che il sito web sul quale era stata inserita la richiesta era, in realtà, uno “specchietto per le allodole” cioè un falso sito non riconducibile alla Compagnia assicuratrice che serviva solo, quindi, per ricevere le richieste che venivano “evase” poi telefonicamente.

Tramite approfonditi controlli incrociati tra l’indirizzo IP dei computer connessi a quel sito, i numeri di telefono dai quali erano giunte poco dopo le offerte e gli IBAN sui quali erano stati effettuati i bonifici, i poliziotti hanno identificato e denunciato, ancora una volta, gli autori delle truffe, due cittadini campani pregiudicati e delinquenti seriali esperti specializzati del “settore”.

Grande timore da parte del denunciate per le conseguenze che avrebbe dovuto affrontare in caso di sinistro ma anche il suo ringraziamento alla campagna informativa della Polizia di Stato che gli ha fatto venire il dubbio sulla effettiva copertura del suo veicolo.

È chiaro che il sito web fasullo è stato cancellato ma per i delinquenti seriali è facile aprirne un altro che richiami nel nome una nota Compagnia assicurativa per proseguire nella commissione dei medesimi reati; solo l’attenzione ai particolari, quali l’anomala eccessiva convenienza, le modalità di contatto successivo, la contrattazione sul prezzo, un’offerta temporalmente limitata, devono creare dubbi sull’autenticità della proposta che possono essere sciolti attraverso il controllo telefonico con un’agenzia fisica della Compagnia presente nelle vicinanze e soprattutto per il tramite della verifica della effettiva copertura assicurativa per garantire la serenità di condurre un veicolo effettivamente assicurato.


05/06/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

03/12/2021 01:43:44