Questura di Enna

  • Via San Giuseppe n. 2 - 94100 ENNA ( Dove siamo)
  • telefono: 0935/522111
  • email: gab.quest.en@pecps.poliziadistato.it
  • facebook

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA A LEONFORTE UNA PERSONA PER DETENZIONE E SPACCIO DI “HASHISH”

CONDIVIDI
Materiale sequestrato

Nell’ambito dei servizi mirati alla prevenzione ed alla repressione dei reati inerenti il traffico di sostanze stupefacenti, Agenti del Commissariato di P.S. di Leonforte hanno tratto in arresto C.A., ventenne, di Leonforte, gravato da precedenti penali specifici, per detenzione di grammi 160 circa di sostanza stupefacente del tipo “hashish”.

In particolare, a seguito di una articolata attività di osservazione, gli inquirenti hanno notato movimenti sospetti di alcuni giovani, in varie occasioni, che entravano all’interno di un’abitazione di Leonforte, per poi uscirne dopo qualche istante.

Tre di questi, uno minorenne, controllati poco distanti, sono stati trovati tutti in possesso di sostanza stupefacente del tipo “hashish” e precisamente: un involucro in plastica con chiusura a pressione contenente al suo interno due involucri di carta di alluminio con grammi 0,12 e 0,50 di sostanza stupefacente; due involucri in carta di alluminio contenenti gr. 2,78 di sostanza stupefacente; un involucro di carta di alluminio contenente gr. 0,65 di sostanza stupefacente.

Avuta la ragionevole certezza che all’interno di quella determinata abitazione fosse in corso un’intensa attività di spaccio di sostanze stupefacenti, gli Agenti hanno proceduto ad effettuare una perquisizione. Le attività di polizia giudiziaria hanno permesso di rinvenire, all’interno della casa, grammi 160 circa di sostanza stupefacente del tipo “hashish” e materiale idoneo al confezionamento, dello stesso tipo utilizzato per le dosi trovate addosso ai tre giovani. Inoltre, sono stati rinvenuti 4 coltelli tutti impregnati di sostanza stupefacente, verosimilmente utilizzati per il “taglio” della droga, un bilancino di precisione, 620 euro in banconote di vario tipo, 43 euro in monete e un’agendina, ove erano stati annotati i conteggi del denaro.

Alla luce delle risultanze investigative, C.A., accompagnato presso gli Uffici di Polizia, dopo le formalità di rito, è stato tratto in arresto poiché ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 73, comma 1, D.P.R. nr. 309/1990.  

IL ragazzo, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Enna dr. Orazio Longo, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

La droga, il denaro, i coltelli e gli altri oggetti sono stati posti sotto sequestro penale.


11/03/2021

Categorie

Servizi

  Permesso di soggiorno

Controlla il permesso di soggiorno online.

  Bacheca Oggetti Rubati

Ricerca oggetti rubati o rinvenuti.

  Dove siamo

Gli uffici della Polizia di Stato.

  Scrivici

Risposte alle tue domande.

29/07/2021 14:22:28