Questura di Cagliari

  • Via Amat 9 - 09129 CAGLIARI ( Dove siamo)
  • telefono: 07060271
  • email: dipps118.00F0@pecps.poliziadistato.it

"...Questo non è amore 2022". Con gli studenti in piazza, insieme contro la violenza sulle donne.

CONDIVIDI
12

E’ iniziato con la lettura del brano “Il cimitero delle Bambole” tratto dall’antologia “L’Ira di venere”, l’evento organizzato dalla Polizia di Stato ieri in piazza Garibaldi, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.  Senza nessuna presentazione, tutti i presenti in piazza hanno ascoltato commossi dalla voce dello stesso autore Piergiorgio Pulixi, l’ennesima storia di femminicidio, ispirato ad un fatto realmente accaduto. Si è partiti da lì, dalla coralità delle protagoniste del racconto, tra cui vi era la mamma dell’omicida, riunite insieme alle loro bambine, con le quali hanno dato fuoco alle bambole che avevano in mano, perché questo non accadesse un’altra volta.  La stessa coralità della piazza di Cagliari, ieri, dove erano presenti tanti studenti del liceo Dettori e dell’Eleonora D’Arborea. Loro, ragazzi dai 14 ai 17 anni che hanno dato l fondamentale contributo alla manifestazione, scrivendo nei giorni precedenti dei bigliettini anonimi nei quali hanno espresso il loro pensiero, una loro esperienza o una domanda, per contribuire alla rivoluzione, al cambiamento culturale affinchè si raggiunga un’autentica parità di genere. Proprio i pensieri dei ragazzi sono stati il filo conduttore di tutto l’evento. Interprete d’eccezione nella lettura di questi pensieri, l’attore e regista Jacopo Cullin, al quale è seguito il commento dagli esperti della Polizia di Stato presenti. L’intervento della criminologa Roberta Bruzzone, in collegamento in diretta, ha aiutato a comprendere quali sono i comportamenti “spia”, che potrebbero rappresentare un campanello d’allarme di probabili atti di violenza. E’ stata l’occasione per continuare ad informare sugli strumenti messi a disposizione delle vittime per difendersi dalle violenze e per aiutare chi subisce umiliazioni, soprusi e vessazioni di ogni genere ad avere consapevolezza e coraggio per far emergere il dolore sommerso. L’invito p stato fortemente ribadito anche dalle rappresentanti delle associazioni antiviolenza della provincia, “Rete Dafne”, “Donna Ceteris”, “Donne al Traguardo” e C.I.P.M. Sardegna, che fanno parte insieme alla Polizia di Stato della rete antiviolena. Hanno voluto diffondere un messaggio a tutte le donne vittime di violenza anche le ragazze della serie A1 femminile Dinamo Basket, la dirigente generale Viole Frongia e la giocatrice Sara Toffolo. Anche la campionessa olimpica di atletica Fiamme Oro della Polizia di Stato, Dalia Kaddari, ha arricchito l’evento sottolineando l’importanza dell’impegno continuo per l’eliminazione della violenza sulle donne, non ridotto ad una sola giornata commemorativa. Anche una rappresentanza del gruppo di motociclisti Harleysti, appartenenti alla sezione locale dei “Legionaries La MC Italy” (composto prevalentemente da appartenenti alle Forze di Polizia), ha voluto donare alla Polizia di Stato di Cagliari un paio di scarpette rosse insieme al loro gagliardetto, come segno di ringraziamento per l’impegno profuso dalla Polizia di Stato per l’eliminazione della violenza sulle donne. Verso la fine dell’evento, la gradita presenza del Ministro per le disabilità Alessandra Locatelli, la quale ha accolto l’iniziativa della Polizia di Stato in maniera entusiastica, ha impreziosito l’evento con un focus sulla violenza ai danni delle donne disabili.


26/11/2022

23/07/2024 17:54:21